Pannello a sandwich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pannello sandwich)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Diagramma di un pannello sandwich assemblato (A), e dei suoi componenti, le pelli (B) e il core a nido d'ape (C) (o in alternativa in schiuma)

Per pannello a sandwich (o struttura a sandwich) si intende un elemento costituito da due strati resistenti, detti pelli o facce, distanziati tra loro e collegati rigidamente ad un elemento connettivo che prende il nome di core: la struttura così composta ha un comportamento statico notevolmente migliore delle singole parti da cui è costituita.
Il core è in genere un materiale leggero e poco resistente, che permette di distanziare le pelli, composte di materiale nobile e di spessore ridotto. Le pelli sono preposte alla distribuzione dei carichi nel piano, la presenza del core è invece utile ad aumentare il valore della rigidezza flessionale del pannello, che dipende dalla distanza delle lamine dal piano medio. L'impiego di tale struttura è quindi paragonabile al concetto della trave con sezione a I, dove l'anima serve ad aumentare la rigidezza flessionale nella direzione della stessa. Distanziando le pelli si ottiene un incremento notevolissimo della rigidezza rispetto a un pannello costituito soltanto da uno spessore di materiale pari a quello delle due facce, con un incremento di peso ridottissimo. Per queste ragioni negli ultimi quaranta anni nell'industria aerospaziale si è sempre più consolidato l'impiego di pannelli sandwich.

Un esempio più comune di pannello sandwich è costituito da quel cartone in cui gli strati esterni piani sono separati da uno strato di cartone ondulato.

Sandwich composito utilizzato per sperimentazioni presso la NASA

Pelli[modifica | modifica sorgente]

Le pelli sono solitamente costituite di materiale dall'elevata resistenza meccanica, che può essere un materiale composito in fibra di vetro, carbonio o kevlar, o anche di alluminio sottile o acciaio.

Core[modifica | modifica sorgente]

Per il core vengono impiegate strutture con celle a nido d'ape (honeycomb) oppure schiume.
Le celle a nido d'ape vengono ottenute in vari modi:

  • da lastre sottili di alluminio che vengono lavorate per espansione o per deformazione. Nel primo caso si sovrappongono le lastre tra le quali è stato preposizionato adesivo strutturale su fasce a intervalli equidistanti, con l'accortezza di sfasare quello dello strato inferiore rispetto a quello superiore. Si polimerizza l'adesivo strutturale in modo da ottenere l'ancoraggio su queste fasce e si deforma il blocco con una trazione opportuna in direzione perpendicolare alle lastre deformandolo plasticamente. Nel secondo caso si lavorano prima le lastre deformandole plasticamente attraverso il passaggio tra rulli dentati con opportune geometrie e si ottiene il prodotto finito per incollaggio;
  • strutture a nido d'ape costituite da celle di fibre aramidiche in una matrice di resina termoindurente.

Si ricordano alcuni problemi di instabilità locale o globale che presentano sandwich con honeycomb core:

  • il crimpling è un fenomeno di disallineamento dei piani delle pelli a seguito di una sollecitazione di taglio che induce un eccessivo sforzo locale della cella; per ovviare a questo problema occorre dimensionare lo spessore della cella in modo che possa sostenere i carichi previsti;
  • il wrinkling è una sorta di fenomeno di buckling localizzato delle pareti di un insieme di celle che si presenta come un avvallamento in una delle pelli; in questo caso il problema è legato al modulo di compressione di facce e core;
  • il dimpling si presenta come una eccessiva flessione della pelle nello spazio vuoto tra le pareti delle celle creando una superficie ondeggiata; dimensionando l'area delle celle si può monitorare questa forma di instabilità globale della pelle.

Si definiscono schiume quei materiali cellulari ottenuti mediante la dispersione di un gas in un materiale plastico solido. La schiuma può essere:

  • a celle aperte, se la fase gassosa è continua;
  • a celle chiuse, se la fase gassosa non è interconnessa;
  • flessibile, semi-rigida o rigida;
  • di materiale termoplastico o termoindurente.

La schiuma può essere allo stato liquido, se viene immessa a pressione nello stampo unitamente al gas, oppure in blocchi solidi semilavorati che vengono opportunamente tagliati e lavorati. Le schiume sono facilmente lavorabili e hanno basso costo, e per questo sono solitamente usate per costruire pannelli sandwich, nonostante le loro caratteristiche meccaniche siano inferiori a quelle del nido d'ape. Presentano ottime caratteristiche di isolamento termico e acustico, ottima capacità di smorzamento delle vibrazioni e resistenza agli urti.

Adesivo strutturale[modifica | modifica sorgente]

L'adesivo è necessario per unire le pelli al core. Si utilizzano adesivi a film [1] con caratteristiche molto simili a quelle delle resine che costituiscono le matrici nei materiali compositi, per cui è necessaria la polimerizzazione in autoclave. Esistono diverse formulazioni chimiche a seconda della natura dei materiali da unire (metallo-metallo, metallo-composito, composito-composito).

Comportamento meccanico[modifica | modifica sorgente]

Sezione trasversale del pannello sandwich

Il modo giusto di lavorare di un pannello sandwich è a flessione e a taglio. Esso viene schematizzato come una piastra e il suo comportamento flessionale è regolato dalla nota formula:

 D\nabla^4w(x,y)=p(x,y)

La rigidezza flessionale è data dalla somma dei contributi del core e delle pelli:

 D=E_c\cdot I_c+E_p\cdot I_p

I cui momenti d'inerzia, per unità di larghezza, valgono rispettivamente:

I_c=\frac{1}{12}h_c^3

e

I_p=\frac{1}{12}(h^3-h_c^3)

Sostituendo nella prima equazione e dividendo numeratore e moltiplicatore per h^3, spessore totale del pannello, si ottiene:

D=\frac{1}{12}h^3[E_c \lambda^3 + E_p (1- \lambda ^3)] = \frac{1}{12}h^3 E^*

dove:

 \lambda = \frac{h_c}{h}

Mentre con E^* si è indicato il modulo di Young equivalente del pannello.

Applicazioni[modifica | modifica sorgente]

L'astronauta Malcolm Scott Carpenter esamina una struttura a nido d'ape della capsula Aurora 7.


Airbus A380[modifica | modifica sorgente]

Il nuovo Airbus A380 utilizza un nuovo tipo di honeycomb realizzato in kevlar, che si ritrova in applicazioni come i pannelli interni e i flap delle ali. A parità di peso, il kevlar è cinque volte più resistente dell'acciaio e il suo impiego consente sostanziali risparmi di peso.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Adesivo a film in PVB
  2. ^ (EN) New Airbus A380 Relies on DuPont Innovations for Strength, Light Weight

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]