Pandroso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pandroso
Rubens, Peter Paul - Finding of Erichthonius - 1632-1633.jpg
Pandroso ed Erittonio di Peter Paul Rubens
Nome orig.Πάνδροσος
Epiteto"tutta rugiada"
SessoFemmina

Pandroso (in greco antico: Πάνδροσος) è un personaggio della mitologia greca, figlia di Cecrope e Aglauro[1].

Pandroso fu venerata in Atene come la dea della rugiada e come la prima donna ad aver filato. Il suo santuario, il Pandroseion, era collocato sull'acropoli.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Atena affidò alle tre sorelle il piccolo Erittonio che aveva una coda di serpente al posto della gambe. Le due sorelle di Pandroso vedendolo impazziscono e si suicidano gettandosi giù dall'Acropoli[2] o, secondo Igino, nel mare.[3]

Solo Pandroso sopravvive e lo cresce dall'infanzia fino alla sua definitiva trasformazione in serpente. Successivamente Erittonio, si ritira a vivere in una grotta, nella quale viene ucciso da Poseidone che lo assimila divenendo Poseidone-Eretteo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE122786114
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca