Palazzo dei Congressi (Riccione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°00′06.11″N 12°39′24.97″E / 44.001698°N 12.656937°E44.001698; 12.656937

Il palazzo dei Congressi
Il palazzo dei Congressi

Il palazzo dei Congressi si trova a Riccione, in provincia di Rimini, in viale Virgilio.

I lavori per la sua edificazione, avviati nel 1999[1], si sono conclusi con l'inaugurazione il 24 maggio 2008. Autori della struttura sono gli architetti Alessandro Anselmi, Carlo e Piero Gandolfi e lo Studio Passarelli. Consiste in una struttura dal design moderno interamente realizzata in acciaio e vetro. Le pareti perimetrali sono trattate con materiali acusticamente assorbenti.

Dispone di due piani interrati adibiti a parcheggi e di un'area commerciale ad uso non congressuale a piano terra. Nel primo piano vi è l'ampio ingresso con i servizi d'accoglienza, bar, reception, internet point, guardaroba, area relax e desk informativi. Il livello successivo, il secondo, ospita sei sale cinematografiche digitali. Cinque sale congressuali sono invece distribuite tra il terzo e il quarto livello, con una capacità complessiva di 2.500 persone. I nomi delle sale sono quelli delle donne più rappresentative della famiglia Malatesta. La più grande tra le aule è la sala Concordia, con una capacità di 1.400 posti a sedere e una superficie di 1.800 . Caratteristico di questa sala è il sistema di poltrone a scomparsa brevettato da Poltrona Frau, che le fa scomparire nel pavimento mediante un meccanismo motorizzato in meno di cinque minuti, ottenendo quindi un grande ambiente multifunzionale. Tutte le sale sono divisibili in altrettante più piccole, capaci di accogliere fino a 40 persone per sala. Il quinto livello, chiamato Riccione City Eye, consiste in uno spazio panoramico circondato da pareti di vetro, utilizzato per colazioni di lavoro, cene e happening[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Periodo di costruzione, su studiopassarelli.it. URL consultato il 22-05-2010.
  2. ^ Descrizione dei piani (PDF), su palariccione.com. URL consultato il 22-05-2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]