Palazzo Taverna (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Taverna
Ponte - palazzo Taverna degli Orsini a Monte Giordano - cortile e fontana dell'acqua Paola 00607.JPG
Fontana nel cortile di Palazzo Taverna
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
LocalitàRoma
IndirizzoVia di Monte Giordano
Coordinate41°54′00″N 12°28′07.2″E / 41.9°N 12.468667°E41.9; 12.468667Coordinate: 41°54′00″N 12°28′07.2″E / 41.9°N 12.468667°E41.9; 12.468667
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1400 ca.
Realizzazione
ProprietarioStato Italiano

Il palazzo Taverna (già Gabrielli) è un edificio di Roma, situato nel rione Ponte, su via di Monte Giordano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sua costruzione fu eseguita su progetto del cardinale Giordano Orsini, che volle costruire la propria abitazione sull'antica fortezza di sua proprietà edificata su Monte Giordano. Successivamente il palazzo venne preso in affitto da illustri personaggi, tra cui il cardinale Ippolito II d'Este, che vi ospitò Torquato Tasso, e il cardinale Maurizio di Savoia.

Nel 1688 passò in mano ai Gabrielli, che vi ospitarono vari membri della famiglia Bonaparte, tra cui l'imperatrice Eugenia e il cardinal Luciano-Luigi, che vi morì. Verso la metà dell'Ottocento vi risiedette la famiglia di Guido Baccelli, Augusto Baccelli e Giovanni Baccelli, che forse vi nacquero[1]. Nel 1888 fu ceduto dal principe Placido Gabrielli ai conti Taverna.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Comprende diversi saloni molto ampi, un cortile con quattro vasche di marmo con al centro una fontana, disegnata da Antonio Casoni, e un giardino con una torre, dove è possibile ammirare un porticato e una loggia. L'interno, completamente affrescato, presenta una vasta collezione di dipinti di vari artisti, tra cui Sebastiano Ricci, Giambattista Pittoni e Rosa da Tivoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca Borghi. Il medico di Roma: Vita morte e miracoli di Guido Baccelli (1830-1916). Armando, Roma, 2015

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN172322731 · LCCN (ENsh2017005008 · WorldCat Identities (EN172322731