Giovanni Baccelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Baccelli
Giovanni Baccelli.gif

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 25 giugno 1900 –
8 ottobre 1914
Legislature XXI

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Magistrato; docente

Giovanni Baccelli (Roma, 8 luglio 1833San Vito Romano, 8 ottobre 1914) è stato un magistrato, docente e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Padre del senatore Pietro Baccelli inizia la carriera nell'ordine giudiziario pontificio come apprendista al Tribunale criminale. Rivelatosi un valente e preparato giurista ottiene anche l'autorizzazione all'insegnamento di diritto civile e canonico all'università pontificia romana. Alla presa di Roma il governo italiano lo trova giudice al tribunale di Civitavecchia, dove viene confermato nella posizione raggiunta e rimane fino al 1875. È stato in seguito consigliere di corte d'appello a Firenze e Roma, per poi passare consigliere e presidente di sezione della corte dei conti

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia decorato di Gran Cordone - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia decorato di Gran Cordone

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]