Palazzo Capranica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Capranica
Colonna - palazzo Capranica 1150504.JPG
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma
Indirizzo piazza Capranica
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione XV secolo
Inaugurazione 1451[1]

Palazzo Capranica, sito a Roma nella piazza omonima, è l'unico esemplare dello stile architettonico romanzo romano.

L'iscrizione sul portale principale indica l'anno di costruzione nel 1451,[1] per volere del cardinale Domenico Capranica. Prima residenza privata della famiglia Capranica, poi collegio per ecclesiastici (1457).

Il collegio[modifica | modifica wikitesto]

Domenico Capranica fu il capostipite dalla Famiglia omonima e con lui iniziarono le fortune e l'ascesa dei Capranica, originari di un borgo situato sulla via Prenestina (Capranica Prenestina appunto). Due anni prima della morte fondò il Collegio dei poveri scolari della Sapienza Firmana (Domenico era stato nominato vescovo di Fermo), destinato a giovani romani e fermani, non nobili, che avevano deciso di intraprendere la carriera ecclesiastica, in sostanza quello che oggi chiameremo seminario (l'istituzione del "seminario" come la conosciamo oggi venne istituita durante la controriforma, e più precisamente con il concilio di Trento). La denominazione del Collegio diede anche il nome alla piazza che per un periodo si chiamò: "del Cardinale di Fermo", perché studiassero soprattutto teologia e diritto canonico.

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel dopoguerra Il palazzo venne interamente ristrutturato modificandone l'aspetto e dando vista al "nuovo Collegio".

Nel palazzo vi fu il Teatro Capranica, che godette una certa fama e fu chiuso nel 1868.

Dal 2° Dopoguerra fino agli anni Novanta il palazzo ha ospitato il cinema Capranica.

Controllo di autorità VIAF: (EN240576519
  1. ^ a b Roma e Città del Vaticano: le chiese, i palazzi, i musei, le piazze, l'archeologia, Touring Editore, 2002, pp. 122, ISBN 978-88-365-2623-9.
    «"... palazzo Capranica, eretto nel 1451 inglobando case preesistenti e la cappella di S. Agnese..."».