Osvaldo Abbondanza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Osvaldo Abbondanza (Cesena, 18 gennaio 1921Roma, 1º novembre 2006) è stato un ingegnere e partigiano italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Ingegneria Meccanica presso l'Università la Sapienza di Roma, diplomato all'Accademia Navale di Livorno[1] e Capitano della Regia Marina, si trovò giovanissimo a dover affrontare la seconda guerra mondiale. Nel 1944 prese parte alla resistenza partigiana del Partito Repubblicano Italiano assieme ad amici tra cui Oddo Biasini e Libero Gualtieri, in qualità di Comandante del I Distaccamento della Brigata Mazzini[2], per poi entrare nella giunta di Cesena sotto il governo militare alleato, sempre nel 1944[3]. L'attività di lotta partigiana repubblicana gli valse, terminati i combattimenti, il riconoscimento per meriti speciali della Marina Militare italiana e il titolo di "patriota" controfirmato dal comandante in capo delle forze alleate in Italia, il generale Alexander.

Nel dopoguerra divenne dirigente di grandi gruppi industriali e direttore generale dello stabilimento del Fusaro, sede centrale della Selenia[4]. Negli anni inventò e brevettò in diversi paesi alcuni macchinari, tra cui la Rotary keyboard punching machine, utilizzata per lungo tempo dalle pubbliche amministrazioni dei paesi occidentali[5][6][7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Accademia navale (Italy), Annuario, 1º gennaio 1986. URL consultato il 7 gennaio 2017.
  2. ^ https://web.archive.org/web/20140227073649/http://www.comunisticesena.it/index2.php?option=com_content&do_pdf=1&id=1152
  3. ^ Daniele Vaienti, Cesena: uomini ed elezioni dall'Unità d'Italia ad oggi, Cesena, Comune di Cesena, 2014, pag. 90
  4. ^ Gaspare Galati, 100 Years of Radar, Berlino, Springer, 2016, pag. 218
  5. ^ Rotary keyboard punching machine, nº 2927676, 03/08/1960. URL consultato il 7 gennaio 2017.
  6. ^ Rotary keyboard punching machine - US 2927676 A - IP.com, su ip.com. URL consultato il 7 gennaio 2017.
  7. ^ https://www.google.com/patents/US2927676.pdf