Libero Gualtieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore, vedi Libero Gualtieri (calciatore).
Libero Gualtieri

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature VIII, IX, X, XI, XII, XIII
Gruppo
parlamentare
Partito Repubblicano Italiano e Democratici di Sinistra
Coalizione Pentapartito fino al 1994
Circoscrizione Forlì
Collegio 1-Forlì
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PRI e DS
Professione politico, dirigente

Libero Gualtieri (Cesena, 28 settembre 1923Roma, 15 febbraio 1999) è stato un politico e partigiano italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prese parte alla Resistenza partigiana e, al termine della Seconda guerra mondiale, entrò nel Partito d'Azione per poi schierarsi (1948) con il Partito Repubblicano assieme ad amici come Oddo Biasini e Osvaldo Abbondanza[1]. Diventò dirigente nazionale del partito dopo l'ascesa alla segreteria di Ugo La Malfa. Consigliere regionale in Emilia-Romagna con il PRI dal 1970 al 1979, venne eletto senatore proprio nel 1979 e successivamente fu capogruppo dei repubblicani a Palazzo Madama. Durante la X Legislatura fu presidente della Commissione Stragi. Membro della segreteria nazionale del PRI fino al 1992, dopo il passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica si schiera con il centrosinistra e forma il gruppo parlamentare della Sinistra Democratica. Confermato al Senato sino alla morte, aderisce ai Democratici di Sinistra. Muore nel 1999 a causa di un aneurisma.

Note[modifica | modifica wikitesto]