Oratorio della Purità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oratorio della Purità
Udine - l'oratorio della Purità.jpg
La facciata dell'Oratorio della Purità.
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia
LocalitàUdine
IndirizzoPiazza del Duomo 1, 33100 Udine
Coordinate46°03′43.67″N 13°14′15.72″E / 46.06213°N 13.2377°E46.06213; 13.2377
Religionecattolica
Arcidiocesi Udine
Sito webwww.cattedraleudine.it

L'oratorio della Purità è un edificio religioso di Udine.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Posto a destra della Cattedrale, l'oratorio fu eretto nel 1757 per volere del cardinale Daniele Dolfin, il quale fece acquistare ed abbattere il precedente teatro appartenente alla famiglia Mantica, in modo che vicino alla cattedrale cittadina non fosse presente un luogo di divertimento. Il progetto fu affidato a Luca Andreoli.

Durante la seconda guerra mondiale, gli affreschi del soffitto e delle pareti furono protetti contro eventuali bombardamenti aerei. Nella notte del 7 marzo 1945 durante un'incursione aerea alcuni spezzoni incendiari caddero a grappolo intorno alla chiesa, due ne forarono il tetto, ma si spensero sul pavimento del primo piano, quello sovrastante l'Assunzione di Giambattista Tiepolo.

Negli anni cinquanta, però, gli affreschi del figlio Domenico subirono danni dovuti ad infilltrazioni d'acqua. Solo nel luglio 1965 iniziarono lavori di restauro degli affreschi danneggiati, strappati e messi su appositi pannelli, furono restaurati su appositi pannelli e ricollocati in posizione nel 1969. Tutto il complesso pittorico è stato fatto oggetto di un nuovo intervento conservativo nel 1995.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Interno

Sul soffitto si può ammirare l'affresco della Assunta, il capolavoro del secondo periodo udinese di Giambattista Tiepolo. La Assunta è circondata da due riquadri, uno superiore e l'altro inferiore, con Gloria di angeli. Altra opera dello stesso autore, posta come pala dell'unico altare, è l'Immacolata.

Lungo le pareti vi sono gli affreschi a chiaroscuro su sfondo d'oro, opere di Giandomenico Tiepolo, figlio di Giovanni Battista. Rappresentano otto scene di carattere biblico:

Altare con l'Immacolata di Giovanni Battista Tiepolo.
Immagine Titolo Immagine Titolo
Udine Oratorio della Puritá - Wandfresco Jesus und Kinder.jpg Gesù tra i fanciulli Udine Oratorio della Puritá - Wandfresco Jesus und Schriftgelehrte.jpg Gesù tra i dottori del Tempio
Udine Oratorio della Purità Wandfresko.jpg Il re Antioco condanna i sette fratelli Udine Oratorio della Puritá - Wandfresco Sterbender Jakob.jpg Giacobbe benedice i figli
Udine Oratorio della Puritá - Wandfresco David und die Kinder Israel.jpg Le fanciulle d'Israele muovono incontro a Davide vittorioso Udine, Oratorio della Purità 007.JPG Ingresso a Gerusalemme
Udine Oratorio della Puritá - Wandfresco Nebukadnezar.jpg Nabuccodonosor condanna i fanciulli alla fornace Tiepolo G.D. (1759) - Eliseo e i fanciulli aggrediti dagli orsi - Purita Udine.jpg I lupi divorano i fanciulli che insultano Elia

Sul lato sinistro è presente anche un fonte battesimale del 1480, opera di Giovanni di Biagio da Zuglio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Bergamini e D. Nobile, Oratorio della Purità della Beata Vergine Maria, Deputazione di Storia Patria per il Friuli, Udine 2010.
  • Guida d'Italia (serie Guide Rosse) - Friuli-Venezia Giulia - pag. 283 - Touring Club Italiano
  • Friuli Venezia Giulia-Guida storico artistica naturalistica - Bruno Fachin Editore - ISBN 88-85289-69-X- pag. 144

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN247442196 · GND (DE7701857-6