Operazione Štorm 333

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Operazione Tempesta-333
Evstafiev-40th army HQ-Amin-palace-Kabul.jpg
Il Palazzo Tajbeg nel 1987, foto di Mikhail Evstafiev.
Data27 dicembre 1979
LuogoKabul, Afghanistan
EsitoConquista dell'edificio presidenziale e uccisione del presidente afghano Hafizullah Amin
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
KGB

GRU

  • 154^ OSN GRU (Battaglione "Mussulmano")

Truppe aerotrasportate sovietiche

Guardia presidenziale
Perdite
Ufficialmente uccisi :[1][2]
5 operatori KGB
6 del Battaglione "Mussulmano"
9 paracadutisti
Ufficialmente feriti:
32 operatori KGB

Vasili Mitrokhin calcola oltre 100 (questo dato potrebbe includere anche i feriti)
Hafizullah Amin, suo figlio e 200 Guardie dell'Esercito Nazionale/Guardie presidenziali uccise
Voci di operazioni militari presenti su Wikipedia

Operazione Štorm 333 (Шторм-333, Tempesta-333) fu il nome in codice di una operazione originariamente prevista per la data del 14 dicembre 1979 ma posticipata al 27 dicembre, nella quale le forze speciali sovietiche presero d'assalto il Palazzo Tajbeg in Afghanistan e catturarono il presidente afgano Hafizullah Amin. Un numero imprecisato di guardie del palazzo furono uccise mentre 150 furono catturate.[3] Il figlio undicenne morì in conseguenza delle ferite da schegge.[4] I sovietici insediarono Babrak Karmal come successore di Amin.

Molti altri edifici governativi furono occupati durante l'operazione, inclusi: L'edificio del Ministero dell'Interno, il palazzo della sicurezza interna (KHAD) e il palazzo dello stato maggiore (Palazzo Darul Aman). I veterani del Gruppo Alpha considerano questa operazione come una delle più riuscite nella storia del gruppo.

Forze sovietiche[modifica | modifica wikitesto]

Presero parte nell'operazione 24 uomini del Гром (Grom – "Tempesta") unità del Gruppo Alpha e 30 operatori di uno speciale gruppo del KGB Зенит (Zenit – "Zenith"), successivamente noto come Vympel. Vi furono, inoltre, 87 soldati di una compagnia del 345ª Guardie Reggimento aerotrasportato.[5] 520 uomini del 154º Battaglione Spetsnaz del Ministero della Difesa dell'URSS conosciuto come "Battaglione Mussulmano" in quanto esso consisteva, esclusivamente, di soldati provenienti dalle repubbliche meridionali dell'URSS. Questo battaglione fucilieri motorizzato si era formato in Unione Sovietica, precedentemente al 1979 su specifica richiesta del Presidente afgano, per proteggere la propria residenza in quanto non poteva contare sulle truppe afgane. Queste truppe di supporto non furono dotate di protezioni balistiche od elmetti, ma uno dei componenti ricorda che un caricatore nascosto nei suoi vestiti lo protesse da un colpo di pistola mitragliatrice.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peter Tomsen, Wars of Afghanistan, 1st, PublicAffairs, 9 giugno 2011, p. 174, ISBN 978-1-58648-763-8.
  2. ^ Lyakhovskiy, A.A. Декабрь, день27, 1979. orc.ru. This page refers to Alpha and Vympel by their previous names Grom and Zenith, respectively
  3. ^ Martin McCauley, Russia, America and the Cold War: 1949–1991, Revised 2nd, Harlow, UK, Pearson Education, 2008.
  4. ^ How Soviet troops stormed Kabul palace, BBC, 27 dicembre 2009. URL consultato il 1º luglio 2013.
  5. ^ (RU) Article on Storm-333 at VPK-news.ru

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]