Olio di jojoba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vasetto di olio di jojoba

L'olio di jojoba (pronunciato come ho-ho-bah) è una cera, liquida a temperatura ambiente, prodotta dai semi di jojoba, (Simmondsia chinensis), pianta a portamento arbustivo delle zone desertiche della Arizona meridionale, del Messico nord-occidentale, e della California meridionale.

L'olio (cera) è presente in percentuale di peso oltre il 50% nei semi della pianta.[1]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Come in tutti gli oli vegetali la composizione può variare per cultivar, esposizione, raccolta e lavorazione; pertanto si deve considerare la composizione tipica. L'olio di jojoba è una miscela di esteri cerosi, con catene medio lunghe (da 36 a 46 carboni). Ogni molecola consiste di un acido grasso e di un alcole grasso connessi da un legame esterico. La maggioranza degli acidi grassi ( 97% circa) sono insaturi al nono legame carbonio-carbonio.[2] Di queste il 70% circa sono C20:1 , acido gadoleico, il restante 30% circa è composto da C18:1, acido oleico, e C22:1 , acido erucico. Gli alcoli grassi invece sono C20:1 (40% circa ), C22:1 (45% circa) e C24:1 (15% circa).

La presenza di trigliceridi (>2%) è considerata un indicatore di una possibile adulterazione.

Le percentuali approssimate degli esteri cerosi composti da alcole + acido grasso presenti nell'olio di jojoba sono le seguenti.[2]

Lunghezza totale della catena (n°di C) alcole grasso (n°di C) acido grasso (n°di C) concentrazione (%)
36 20 16 1
38 18 20 5
38 20 18 2
40 20 20 24
40 22 18 6
42 20 22 10
42 22 20 40
44 20 24 2
44 22 22 2
44 24 20 7
46 24 22 1

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

L'olio non raffinato appare di colore paglierino chiaro a temperatura ambiente con un leggerissimo odore oleoso. L'olio raffinato è incolore (limpido come l'acqua) ed inodore. Solidifica a temperature inferiori ai 10 °C.[3] Il valore di iodio (o indice di assorbimento di iodio) è circa 80.[4] L'olio di jojoba è definibile come notevolmente stabile all'ossidazione se correlato agli altri oli vegetali. Ha un indice di stabilità ossidativa di circa 60.[5]; è quindi meno stabile solo dell'olio di ricino, dell'olio di macadamia e dell'olio di cocco.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Diversamente dalla maggioranza degli oli vegetali composti prevalentemente da trigliceridi, l'olio di jojoba è chimicamente simile alle componenti cerose del sebo umano; di conseguenza una buona parte dell'olio e dei suoi derivati esterici, isopropilici ed alcolici, possono essere utilizzati in cosmesi, per prodotti per la cura della persona, soprattutto per la pelle ed i capelli[6].

L'olio di jojoba ha sostituito eccellentemente lo spermaceti, rispetto al quale, per molti aspetti, è addirittura superiore, e più versatile.[senza fonte]

Si è notato che l'olio ha proprietà disinfettanti ed antimicotiche. Tali proprietà sono applicate in alcuni casi anche per la cure di malattie micotiche delle piante.[senza fonte]

Dal punto di vista alimentare, l'olio di jojoba non è tossico, ma è poco digeribile; quindi si comporta come massa inerte nell'apparato digerente, con effetto disturbante per il sistema intestinale stesso e spiacevolmente lassativo. [7]

Dal punto di vista tecnico, l'olio di jojoba può essere chimicamente trasformato in carburante biodiesel.[8].

L'olio di jojoba spesso viene usato nello stretching dei lobi assoggettati a piercing, come emolliente e lubrificante, sia per facilitare l'aumento di misura, sia come cura giornaliera per mantenere l'elasticità della pelle del lobo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D.J. Undersander, E.A. Oelke, A.R. Kaminski, J.D. Doll, D.H. Putnam, S.M. Combs, and C.V. Hanson, Jojoba in Alternative Field Crops Manual, 1990.
  2. ^ a b Spencer GF, Plattner RD, Miwa T. 1997. Jojoba oil analysis by high pressure liquid chromatography and gas chromatography/mass spectrometry Journal of the American Oil Chemists' Society 54(5).
  3. ^ AOCS Method Cc 18-80. URL consultato il 13 ottobre 2006.
  4. ^ AOCS Method Cd 1-25. URL consultato il 13 ottobre 2006.
  5. ^ AOCS Method Cd 12b-92. URL consultato il 13 ottobre 2006.
  6. ^ Flowertales.it olio di Jojoba. URL consultato il 15 ottobre 2013.
  7. ^ A. R. Place, Comparative aspects of lipid digestion and absorption: physiological correlates of wax ester digestion in AJP - Regulatory, Integrative and Comparative Physiology, vol. 263, 1 settembre 1992, PMID 1415629. URL consultato il 05 luglio 2015.
  8. ^ Jojoba oil could fuel cars and trucks, New Scientist, 06 marzo 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]