Olibrio (console 491)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Flavio Olibrio (latino: Flavius Olybrius; floruit 491; ... – ...) fu un politico dell'Impero romano d'Oriente, imparentato con la Casata di Teodosio e con gli imperatori Anicio Olibrio e Anastasio I.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Areobindus 03.JPG Anicia Juliana.jpg
Areobindo, padre di Olibrio Anicia Giuliana, madre di Olibrio

Il padre di Olibrio era Areobindo, parente del magister militum alano Aspar e console del 506. La madre di Olibrio era Anicia Giuliana, figlia dell'imperatore romano Anicio Olibrio e di Placidia, appartenente alla Casata di Teodosio.

Nel 491, mentre era ancora un infante, Olibrio venne innalzato al consolato. In seguito sposò Irene figlia di Paolo, fratello dell'imperatore Anastasio I: questo matrimonio servì a rafforzare le pretese dell'imperatore nell'anno della sua elevazione al trono tramite la creazione di un legame con la dinastia di Teodosio I.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Croke, Brian, Count Marcellinus and His Chronicle, Oxford University Press, 2001, p. 89.


Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Console Olibrio Padre:
Areobindo Dagalaifo
Nonno paterno:
Console Dagalaifo
Bisnonno paterno:
Console Areobindo
Bisnonna paterna:
?
Nonna paterna:
Godistea
Bisnonno paterno:
Console Ardaburio
Bisnonna paterna:
?
Madre:
Anicia Giuliana
Nonno materno:
Anicio Olibrio, imperatore d'Occidente
Bisnonno materno:
Petronio Massimo, imperatore d'Occidente
Bisnonna materna:
Lucina
Nonna materna:
Placidia
Bisnonno materno:
Valentiniano III, imperatore d'Occidente
Bisnonna materna:
Licinia Eudossia
Predecessore Console romano Successore
Flavio Anicio Probo Fausto Iunior,
Flavio Longino II
491 (sine collega) Imperatore Cesare Flavio Anastasio Augusto,
Flavio Rufo