Ardaburio Aspare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dettaglio del Piatto di Ardaburio Aspare, risalente al 434, raffigurante Ardaburio e il giovane figlio Ardabur.

Flavio Ardaburio Aspare (latino: Flavius Ardaburius Aspar; 400471) , di stirpe alana, fu magister militum dell'Impero romano d'Oriente durante il V secolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio dell'alano Ardaburio, svolse un ruolo cruciale nella spedizione per sconfiggere l'usurpatore dell'Impero romano d'Occidente, Giovanni Primicerio, e per portare a Ravenna Galla Placidia e suo figlio. Inoltre contribuì a negoziare un trattato di pace con Genserico dopo l'invasione dei Vandali nel Nord Africa.

Non divenne mai imperatore a causa della sua fede ariana. Al suo posto salì al trono Marciano, dopo che questi aveva sposato Elia Pulcheria, sorella di Teodosio II. Fu invece magister militum praesentalis dal 457 a quando morì. Nel 471 Aspare cadde ucciso, assieme al figlio Ardabur, in un congiura tesa da parte dei suoi nemici: il secondo figlio, Giulio Patrizio scompare dalle cronache, mentre Ermenerico ebbe salva la vita.

Aspare fu insegnante di Teodorico il Grande, successivamente re degli Ostrogoti e d'Italia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 90823314