Oenanthe hispanica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Monachella
45-090506-black-eared-wheatear-at-Ipsilou-Monastery-.jpg
Oenanthe hispanica
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Muscicapoidea
Famiglia Muscicapidae
Genere Oenanthe
Specie O. hispanica
Nomenclatura binomiale
Oenanthe hispanica
(Linnaeus, 1758)
Sinonimi

Oenanthe melanoleuca

Sottospecie
  • O. hispanica hispanica
  • O. hispanica melanoleuca
Oenanthe hispanica

La monachella (Oenanthe hispanica (Linnaeus, 1758)) è un uccello passeriforme, migratore, della famiglia dei Muscicapidi.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La lunghezza di una monachella è in media intorno a 14,5 cm. È un uccello di piccole dimensioni dalla lunga coda. I colori possono variare da bianco e nero nel maschio a marrone e ocra sfumato nella femmina.[3]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre prevalentemente di insetti. Nidifica di solito in buchi nel terreno o nella vegetazione bassa.[3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È un uccello migratore che nidifica nell'area del Mediterraneo e sverna a sud del Sahara.[3] In Italia nidifica comunemente in Calabria nei mesi di maggio e giugno, sporadicamente in altre regioni.

La possiamo trovare in zone al di sotto dei 600 m, di solito in ambienti aperti.[3]

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Sono note due sottospecie:[2]

  • Oenanthe hispanica hispanica
  • Oenanthe hispanica melanoleuca

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Oenanthe hispanica, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Muscicapidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 9 maggio 2014.
  3. ^ a b c d Lars Svensson, Guida degli uccelli d'Europa, Nord Africa e vicino oriente, Ricca Editore, 2013, p. 285.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli