Nuraghe Antigori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nuraghe Antigori
Nuraghe Antigori.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneSarroch-Stemma.png Sarroch
Mappa di localizzazione

Coordinate: 39°05′43″N 9°00′17″E / 39.095278°N 9.004722°E39.095278; 9.004722

Il nuraghe Antigori è un complesso nuragico risalente al II millennio a.C. situato nel comune di Sarroch, nella città metropolitana di Cagliari.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il sito sorge su una cima rocciosa detta Antigori, su cui sono sparsi i resti delle diverse torri, la maggior parte delle quali in precario stato di conservazione; l'unica torre visitabile all'interno è la torre C che presenta la classica copertura a thòlos. È rimasta inoltre quasi intatta una piccola cinta muraria mentre sono ancora osservabili le basi delle capanne che costituivano un piccolo villaggio.

Ceramiche micenee rinvenute nel sito

Gli scavi[modifica | modifica wikitesto]

Il sito venne scavato nel 1982 da Maria Luisa Ferrarese Ceruti e nel 1994 da Roberta Relli. Gli scavi restituirono varie ceramiche nuragiche e micenee (provenienti dall'Argolide, da Creta, e da Cipro[1]) del tipo Miceneo III B e Miceneo III C risalenti rispettivamente al XIV-XIII e al XIII-XII secolo a.C. a testimonianza degli importanti scambi che ebbero luogo fra la civiltà nuragica e quella micenea. La segnalazione venne effettuata dai fratelli Giulio e Roberto Copparoni che nel 1981 consegnarono alla Dottoressa Ceruti alcune scatole di frammenti ceramici rinvenuti in loco nella terra sconvolta da scavi clandestini. I giovani appassionati si resero subito conto della particolarità di questi frammenti ceramici, perché alcuni dei quali presentavano una tecnica di lavorazione assai particolare, inoltre oltre ad alcune decorazioni policrome si potevano scorgere delle figure geometriche e delle stilizzazioni di possibili figure marine, tipiche della civiltà micenea. Venne anche consegnata una piccola ascia bipenne in piombo.

Venne rinvenuto inoltre del ferro, che in quel periodo incominciò a diffondersi presso le popolazioni antiche, proveniente da Cipro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E. Atzeni, Stazioni all'aperto e officine litiche nel Campidano di Cagliari, in Studi Sardi, 14-15, 1957, pp. 68–128;
  • M.L. Ferrarese Ceruti, Nuraghe Domu S'Orku (Sarroch, Cagliari), in Magna Grecia e mondo miceneo: nuovi documenti, Taranto, Istituto per la storia e l'archeologia della Magna Grecia, 1982, pp. 178–179;
  • G. Lilliu, La civiltà dei Sardi dal paleolitico all'età dei nuraghi, Torino, Nuova ERI, 1988;
  • M.L. Ferrarese Ceruti, La Sardegna e il mondo miceneo, in La civiltà nuragica, Milano, Electa, 1990;
  • R. Relli, La torre C del complesso nuragico di Antigori (Sarroch): seconda nota allo scavo del vano superiore, in Quaderni della Soprintendenza Archeologica per le Province di Cagliari e Oristano, 11, 1, 1994, pp. 41–72.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]