Nikolaj Ivanovič Il'minskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nikolaj Ivanovič Il'minskij

Nikolaj Ivanovič Il'minskij (Николай Иванович Ильминский; Penza, 23 aprile 1822Kazan', 27 dicembre 1891) è stato un orientalista e missionario russo cristiano ortodosso.

Figura paradigmatica dell'orientalismo russo di epoca zarista. Professore di lingua araba all'università di Kazan e studioso dei popoli turcofoni della Russia, gettò le basi di una più morbida, ma sempre paternalistica, politica di russificazione delle minoranze alloglotte, introducendo l'uso delle lingue locali nell'istruzione primaria.

A tale scopo adattò l'alfabeto cirillico per scrivere in varie lingue tra cui il tataro e il ciuvascio e in questo collaborò con il padre di Lenin, Il'ja Nikolaevič Ul'janov, ispettore scolastico nell'oblast di Simbirsk. Molto approfonditi furono i suoi studi sulla lingua dei Kazaki che a quell'epoca venivano chiamati dagli orientalisti russi Kirghisi, mentre i Kirghisi venivano chiamati Karakirghisi. Fra le sue opere una traduzione in tartaro della Bibbia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6968196 · ISNI (EN0000 0000 8422 8563 · CERL cnp02104777 · LCCN (ENno94012798 · GND (DE1052665535 · BNF (FRcb170362718 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no94012798
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie