Nicolás Rodríguez Carrasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nicolás Rodríguez Carrasco (Chihuahua, 1890Ciudad Juárez, 1940) è stato un generale e politico messicano.

Durante la Rivoluzione Messicana Rodríguez combatté al fianco di Pancho Villa. Egli riuscì a diventare Generale di Brigata, ma disertò nel 1918. Dopo la rivoluzione si unisce a gruppi della destra razzista antisemita e anticinesi. Nel 1929 sostenne la campagna presidenziale di José Vasconcelos. Vasconcelos, perse le elezioni, ha sostenuto che erano state falsate, e ha dovuto abbandonare il paese, ma Rodriguez ha deciso di rimanere e invece fa amicizia col nemico numero uno di Vasconcelos: Plutarco Elías Calles, ex presidente e in quel momento uomo forte del Messico.

Sotto la protezione di Calles, Rodríguez ha fondato le camicie verdi, che furono però sciolte dal presidente Abelardo L. Rodríguez nel 1932. Un anno più tardi ha fondato un'altra organizzazione fascista, l'Azione Rivoluzionaria Messicana ("camicie dorate"), che ebbe più successo che il precedente. Le camicie dorate si opposero al nuovo presidente Lázaro Cárdenas e alle sue riforme, e chiesero l'immediata espulsione di tutti gli ebrei e cinesi. Dopo lo spodestamento di Calles nel 1936, Rodríguez perduto il suo protettore, nel mese di agosto dello stesso anno fu arrestato e deportato. Rodríguez spostasi poi nel Texas assieme a molti dei suoi, chiese la collaborazione dei fascisti americani della Legione d'argento d'America di William Dudley Pelley.

Nel 1938 ha tentato senza successo di attaccare il Messico al posto di frontiera di Matamoros. Dopo questo tentativo fallito è stato costantemente monitorato dal Messico e dai servizi segreti americani, e quindi non è stato in grado di organizzare nuove azioni. Morì nel 1940.

Note[modifica | modifica wikitesto]