New American Gospel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
New American Gospel
ArtistaLamb of God
Tipo albumStudio
Pubblicazione26 settembre 2000
Durata41:40
Dischi1
Tracce10
GenereDeath metal
Thrash metal
EtichettaMetal Blade Records
Prosthetic Records (riedizione)
ProduttoreSteve Austin
Registrazione15-22 aprile 2000
Lamb of God - cronologia
Album precedente
(1998)
Album successivo
(2003)
Singoli
  1. Black Label
    Pubblicato: 2001

New American Gospel è il secondo album pubblicato dal gruppo musicale Burn the Priest dopo il cambio di nome in Lamb of God, è anche il primo con Willie Adler alla chitarra. L'album è stato ristampato con l'aggiunta di 4 bonus track nel 2006 dalla Prosthetic Records.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Black Label - 4:52
  2. A Warning - 2:24
  3. In The Absence Of The Sacred - 4:37
  4. Letter To The Unborn - 2:57
  5. The Black Dahlia - 3:20
  6. Terror And Hubris In The House Of Frank Pollard - 5:38
  7. The Subtle Arts Of Murder And Persuasion - 4:10
  8. Pariah - 4:25
  9. Confessional - 4:02
  10. O.D.H.G.A.B.F.E. - 5:14
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Nippon – 3:53
Tracce bonus nella riedizione del 2006
  1. Nippon – 3:53
  2. New Willenium (The Black Dahlia Demo Version) – 3:06
  3. Half-Lid (A Warning Demo Version) – 2:28
  4. Flux (Pariah Demo Version) – 4:24

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Steve Austin – voce in "Terror and Hubris in the House of Frank Pollard"

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il brano O.D.H.G.A.B.F.E. è l'acronimo di Officer Dick Head Gets a Black Fucking Eye.
  • Il titolo del brano Terror and Hubris in the House of Frank Pollard è una dedica del cantante Randy Blythe a un amico di Chicago chiamato Frank Pollard, dal quale viveva quando si trovava da lui; lo stesso Blythe l'ha definito un «artista pazzo e insano» gli ha dedicato il pezzo in onore delle stranezze che viveva a Chicago.[1]
  • Black Label compare nella colonna sonora di Tony Hawk's Underground 2.
  • Nell'edizione originale dell'album Mark Morton è stato accreditato con il nome d'arte Duane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal