Nel nome di Cristo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nel nome di Cristo
Titolo originaleAu nom du Christ
Paese di produzioneCosta d'Avorio, Svizzera
Anno1993
Durata90 min
Generecommedia
RegiaRoger Gnoan M'Bala
SceneggiaturaRoger Gnoan M'Bala, Jean-Marie Adiaffi e Bertin Akaffou[1]
ProduttoreTiziana Soudani
Casa di produzioneAmka Films Productions (Svizzera) e Abyssa Films (Costa d'Avorio)[1]
FotografiaMohammed Soudani
MontaggioDjangoye Amoussy[1]
MusichePaul Wassaba[1]
Interpreti e personaggi

Nel nome di Cristo (Au nom du Christ) è un film del 1993 scritto e diretto da Roger Gnoan M'Bala.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Porcaro, castratore, saldatore... Gnamien Ato è il tuttofare del villaggio, considerato con disprezzo da tutti. Un giorno, nella foresta, in preda ai fumi dell'alcool, sta per annegare nel fiume. Riuscendo a ritornare a riva, ha la visione di un bambino che gli indica una missione da compiere. Con voce celeste, gli mostra il suo destino messianico sulla Terra. Prendendo molto sul serio la faccenda, Gnamien Ato inizia a predicare e alcuni suoi "miracoli" lo portano a essere considerato un sant'uomo dalla popolazione. L'ex guardiano di porci acquista una grande fama e il suo nome corre ai quattro angoli del paese, tanto da portargli nuovi fedeli che accorrono per vederlo: paralitici, donne sterili, ciechi, poveracci. Ma anche politici, carrieristi, commercianti e bancarottieri. Magloire I, il "cugino di Dio", come ormai viene chiamato da tutti, un po' pazzo, un po' ciarlatano, regna sovrano fino al momento in cui spinge la sua follia all'estremo, facendosi crocifiggere come Cristo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dall'Amka Films Productions (Svizzera) e dalla Abyssa Films (Costa d'Avorio).[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

In Francia, il film fu distribuito dall'Orisha Distribution che lo fece uscire in sala il 14 dicembre 1994. In precedenza, il film aveva partecipato - nell'ottobre 1993 - al Chicago International Film Festival[2] dove il regista venne candidato al Gold Hugo per il miglior film. Lo stesso anno, il film fu nominato per il Pardo d'oro al Festival di Locarno, vincendo quindi il Gran Premio Etalon de Yennega al Festival Panafricain du Cinéma de Ouagadougou[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]