NGC 290

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NGC 290
Ammasso aperto
Immagine dell'ammasso aperto NGC 290 del Telescopio spaziale Hubble (HST).Credit: HST/NASA/ESA.
Immagine dell'ammasso aperto NGC 290 del Telescopio spaziale Hubble (HST).
Credit: HST/NASA/ESA.
Scoperta
ScopritoreWilliam Herschel
Anno1834
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneTucano
Ascensione retta0h 51m 14,1s[1]
Declinazione-73° 9′ 41,5″[1]
Distanza200.000 a.l. a.l.  
Magnitudine apparente (V)11,71
Dimensione apparente (V)0,8'
Caratteristiche fisiche
TipoAmmasso aperto
Dimensioni12 a.l. a.l.  
Età stimata100 milioni di anni
Altre designazioni
ESO 029-19, Lindsay 42, OGLE-CL-SMC0069, h 2357, GC 164[1]
Mappa di localizzazione
NGC 290
Tucana IAU.svg
Categoria di ammassi aperti

Coordinate: Carta celeste 00h 51m 14.1s, -73° 09′ 41.5″

NGC 290 è un ammasso aperto situato all'interno della Piccola Nube di Magellano, una galassia satellite della Via Lattea,[2] visibile a sua volta nella costellazione del Tucano. Il suo diametro è di 290 ± 60 anni luce. Fu scoperto da William Herschel l'11 aprile 1834.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c SIMBAD Astronomical Database, in Results for NGC 290. URL consultato il 7 aprile 2007.
  2. ^ NASA - Astronomy Picture of the Day, su apod.nasa.gov. URL consultato il 17 aprile 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 288  •  NGC 289  •  NGC 290  •  NGC 291  •  NGC 292   
Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari