NGC 1501

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
NGC 1501
Nebulosa planetaria
A hazy nebula.jpg
La Nebulosa Ostrica (NGC 1501) fotografata dal telescopio spaziale Hubble.
Scoperta
ScopritoreWilliam Herschel
Data1787
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneGiraffa
Ascensione retta04h 06m 59,39s[1]
Declinazione+60° 55′ 14,4″[1]
Coordinate galattiche144,5604 +06,5511
Distanza4 migliaia di a.l.
( 1167 pc) [2]
Magnitudine apparente (V)13,0[1]
Dimensione apparente (V)0,863' (diameter)
Redshift0,000123 ± 0,000007
Velocità radiale36,9 ± 2 km/s
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa planetaria
Altre designazioni
CH Cam, NGC 1501, IRAS 04026+6047, 2MASS J04065939+6055143, PLX 894, CSI+60-04027, GCRV 2334, GSC2 N31222031262, NVSS J040659+605514
Mappa di localizzazione
NGC 1501
Camelopardalis IAU.svg
Categoria di nebulose planetarie

Coordinate: Carta celeste 04h 06m 59.39s, +60° 55′ 14.4″

La Nebulosa Ostrica (NGC 1501, Oyster Nebula in inglese) è una nebulosa planetaria visibile nella costellazione della Giraffa, distante circa quattromila anni luce dal sistema solare.

È stata scoperta da William Herschel nel 1787.[3]

La nebulosa ha la forma di un ellissoide di bassa eccentricità, dal quale protendono quattro lobi principali. È piuttosto sottile. Al suo centro, è presente una stella di classe WC4/OVI.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c SIMBAD.
  2. ^ (EN) Letizia Stanghellini, Richard A. Shaw e Eva Villaver, The Magellanic Cloud Calibration of the Galactic Planetary Nebula Distance Scale, in The Astrophysical Journal, vol. 689, nº 1, 2008, DOI:10.1086/592395.
  3. ^ (EN) NGC Objects: NGC 1500 - 1549, in Celestial Atlas, 16 agosto 2014 (ultimo aggiornamento). URL consultato il 24 aprile 2018.
  4. ^ F. Sabbadin et al., 2000.
  5. ^ R. Ragazzoni et al., 2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari