Myasishchev M-53

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Myasishchev M-53
Immagine esterna
Ricostruzione del Myasishchev M-53
fonte:ussr.airspace.com
Descrizione
Tipoaereo da trasporto supersonico
Equipaggio?
ProgettistaVladimir Michajlovič Mjasiščev
CostruttoreUnione Sovietica Unione Sovietica
Data ordine1958
Data primo volol'aereo rimase sulla carta
Dimensioni e pesi
Lunghezza51,3 m
Apertura alare27 m
Larghezza10,8 m
Peso a vuoto12.000 kg
Passeggeri100-120
Propulsione
Motore4 turbogetti RD 16-23
Spinta18.500
Prestazioni
Velocità max2.000 km/h
Velocità di crociera1.800 km/h
Autonomia6.500 km
Tangenza13.000-16.000

Testpilot.ru

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il nome Myasishchev M-53 si riferisce al progetto di un aereo da trasporto supersonico portato avanti da Vladimir Michajlovič Mjasiščev. L'ufficio tecnico Myasishchev iniziò a lavorare a questo aereo a partire dal 1957-1958, insieme al bombardiere M-56. Tuttavia, in entrambi i casi non si arrivò mai alla costruzione di un prototipo.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'aereo passeggeri M-53 venne sviluppato a partire dagli studi condotti per la realizzazione dei bombardieri M-50 ed M-52. Dal punto di vista tecnico, avrebbe dovuto essere caratterizzato dall'utilizzo di un'ala tipo delta ma con doppio angolo di freccia e da doppie derive, oltre che da due grandi canard posti nei pressi della cabina di pilotaggio. L'impianto propulsivo previsto comprendeva quattro turbogetti RD 16-23, che avrebbero dovuto spingere il velivolo alla velocità massima di 1.800-2.000 km/h. I motori avrebbero dovuto essere montati a coppie, sotto le ali.

Gli studi porseguirono fino al 1959, quando Myasishchev iniziò a studiare un nuovo aereo passeggeri, l'M-55, partendo dall'M-56 militare.

L'M-53, caratterizzato da linee decisamente avanzate, dimostra l'estrema vitalità e le grandi competenze di questo ufficio tecnico, i cui progetti erano caratterizzati da numerosi elementi innovativi. Occorre tuttavia ricordare che ben pochi aerei progettati dalla Myasishchev giunsero allo stadio di prototipo.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]