Museo nazionale estone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo nazionale estone
Localizzazione
StatoEstonia Estonia
LocalitàTartu
Coordinate58°23′43.68″N 26°44′42.5″E / 58.395468°N 26.745139°E58.395468; 26.745139Coordinate: 58°23′43.68″N 26°44′42.5″E / 58.395468°N 26.745139°E58.395468; 26.745139
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione2016
Inaugurazione1909
UsoMuseo e centro culturale
Realizzazione
ArchitettoDan Dorell, Lina Ghotmeh, Tsuyoshi Tane (DGT)

Il Museo nazionale estone è situato a Tartu in Estonia ed è stato inaugurato nell'ottobre 2016.

Il concorso internazionale di architettura è stato vinto da un trio internazionale di architetti di Parigi: Dan Dorell, Lina Ghotmeh e Tsuyoshi Tane. Il museo ha ricevuto numerosi riconoscimenti per la sua originalità e inserzione nel sito storico, tra questi il Grand Prix Afex 2016 ricevuto a Venezia durante l'inaugurazione della Biennale di architettura.[1][2][3][4][5]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Grand Prix Afex 2016 - Premio ricevuto a Venezia durante l'inaugurazione della Biennale di Architettura
  • Nominés de 15e Prix Mies van der Rohe 2017
  • Prix Archmarathon Awards 2017 (Catégorie Bâtiment d'équipement culturel), Milano
  • Best Concrete Building 2016, Tallinn, Estonia
  • Estonian Association of Architects Annual Award 2017, Tallinn, Estonia
  • Estonian Cultural Endowment Grand Prix by Eesti Kultuurkapital 2018, Tallinn, Estonia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Museo Nazionale dell’Estonia di DGT Architects alla Biennale. URL consultato il 15 luglio 2017.
  2. ^ La sfida di DGT per il nuovo Museo Nazionale dell'Estonia, in Inexhibit. URL consultato il 15 luglio 2017.
  3. ^ Progetti sostenibili di DGT - Architettura - Domus, su domusweb.it. URL consultato il 15 luglio 2017.
  4. ^ Pronti al decollo - Interni Magazine, in Interni Magazine. URL consultato il 15 luglio 2017.
  5. ^ Museo Nazionale Estone - DGT Architects, in Abitare, 8 settembre 2016. URL consultato il 15 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN158900856 · ISNI (EN0000 0001 2194 3663 · LCCN (ENno2014151405 · GND (DE1015637-9 · BNF (FRcb11719607z (data) · WorldCat Identities (ENno2014-151405