Museo di Roma in Trastevere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando un altro museo con lo stesso nome, vedi Museo di Roma.
Museo di Roma in Trastevere
Trastevere - piazza sant'Egidio 1521.JPG
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Roma
Indirizzo Piazza Sant'Egidio, 1/b - Ex convento carmelitano - Trastevere
Caratteristiche
Tipo Arte
Apertura 1977
Sito web

Coordinate: 41°53′23.5″N 12°28′08.29″E / 41.88986°N 12.46897°E41.88986; 12.46897

Il Museo di Roma in Trastevere fa parte dei Musei in Comune ed è sito nell'ex convento carmelitano seicentesco di Piazza S. Egidio, 1/b; nel rione Trastevere a Roma. Passato al Comune dopo l'Unità d'Italia, il convento ospitò dal 1918 il sanatorio pediatrico intitolato ad Ettore Marchiafava.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Restaurato fra il 1969 e il 1973 fu riaperto al pubblico nel 1977 con la denominazione di "Museo del Folklore e dei Poeti Romaneschi"; l'esposizione permanente era costituita da materiali provenienti dal Museo della città di Roma presso l'ex Pastificio Pantanella alla Bocca della Verità (1930-1939), poi esposti a Palazzo Braschi, relativi a scene di vita quotidiana romana tra fine Settecento e inizio Novecento.

Si tratta di materiali abbastanza eterogenei - dipinti dal tardo XVIII secolo a tutto il XIX secolo, scene romane e scenografie dei mestieri dell'800 ricostruite con manichini a grandezza naturale, il presepe romano ambientato nel XVIII secolo su bozzetto di Angelo Urbani del Fabbretto, al quale si ispira il presepe installato ogni anno sulla scalinata di piazza di Spagna, le statue parlanti di Roma, gli acquerelli di "Roma sparita" di Ettore Roesler Franz, e la cosiddetta "stanza di Trilussa" (materiali rinvenuti nello studio di Trilussa, ma riordinati dopo diversi anni dalla morte) - il cui filo comune è il tentativo di conservazione della memoria di alcuni aspetti della città che andarono perduti in gran parte già dall'unità d'Italia.

Il museo è stato ulteriormente ulteriormente ristrutturato (e riaperto nel 2000), per creare al pianterreno spazi destinati a mostre ed eventi temporanei.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Corsi, Appunti per una cronologia delle Scene romane al Museo di Roma in Trastevere, da "Bollettino dei Musei Comunali di Roma", Vol. XV, Roma, Gangemi, 2001 e Vol. XVII, Roma, Gangemi, 2003
  • M. Corsi, Cose brutte di un certo valore. Appunti per una cronologia delle Scene romane al Museo di Roma in Trastevere, in: Lares, Firenze, Casa Editrice Leo S. Olschki, 2004
  • D. Occhiuzzi, La lavandaia, un mestiere femminile nella Roma dell'Ottocento. Lettura antropologica dell'opera "Il lavatoio pubblico" da "Mostra al Museo di Roma in Trastevere", Roma, 2004, (dattiloscritto, biblioteca M.R.T.)
  • D. Occhiuzzi, L'abito popolare di Roma e dintorni nella collezione del Museo di Roma in Trastevere, in: "Bollettino dei Musei comunali di Roma", Vol. XIX, Roma, Gangemi, 2005
  • C. Pietrangeli, Il Museo di Roma. Documenti ed iconografia, Bologna 1971
  • A. Portelli, Roma, città tanto cara, in "il manifesto" del 30 maggio 2001
  • M.E. Tittoni, Per la riapertura del Museo di Roma, in AA.VV., Il Museo di Roma racconta la città, Gangemi, Roma 2002
  • L. Gigli, Guide rionali di Roma. Rione XIII - Trastevere, parte quarta, Roma, Fratelli Palombi Editori, 1977
  • AA.VV., Museo del Folklore restauri e nuove acquisizioni, cat. Mostra, Roma 1989

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN134666025 · ISNI: (EN0000 0001 2289 3944