Museo Soumaya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo Soumaya
Museo Soumaya, Ciudad de México, México, 2015-07-18, DD 13.JPG
Ubicazione
Stato Messico Messico
Località Città del Messico
Indirizzo Blvd Miguel De Cervantes Saavedra 303
Caratteristiche
Tipo Arte
Sito web

Coordinate: 19°26′26.9″N 99°12′16.5″W / 19.440806°N 99.204583°W19.440806; -99.204583

Il Museo Soumaya, opera dell´architetto Fernando Romero, è una istituzione culturale senza fini di lucro sita a Città del Messico, di proprietà della Fondazione Carlos Slim.[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio della facciata composta da pannelli esagonali in alluminio

Il museo è stato voluto dal miliardario messicano di origini Libanesi Carlos Slim Helú per commemorare la scomparsa della propria moglie: Soumaya Domit de Slim.[2]

Il Museo Soumaya, è una istituzione culturale ed un'organizzazione non-profit che ha due sedi a Città del Messico.

L'edificio originario del Museo Soumaya, inaugurato nel 1994, è ubicato in Plaza Loreto di San Ángel, nella parte meridionale di Città del Messico. L emblematico edificio in Plaza Carso è ubicato nel quartiere di Nuevo Polanco. Il nuovo museo è stato progettato dall'architetto Fernando Romero, si snoda su cinque piani. Con una superficie di 22.000 metri quadrati, l'edificio presenta un disegno che consiste in una struttura asimmetrica. Con un'altezza di 46 metri, è ricoperto con più di 16.000 esagoni di alluminio. La unica apertura visibile è l'entrata. Ciò che chiama l'attenzione è il fatto che i vari pannelli no appoggiano al suolo e non si toccano tra di loro, dando così l'apparenza di flottare intorno all'edificio.

Il design è opera del architetto messicano Fernando Romero con la collaborazione di Ove Arup e Frank Gehry. Lo stile dell'edificio è stato paragonato con Museo Guggenheim di Bilbao.

L'interno del museo è diviso in sei piani collegati mediate due ascensori aperti al pubblico e una rampa esteriore a forma di spirale. Generalmente si invitano i visitante a salire con l'ascensore all'ultimo piano e scendere comodamente con la rampa. Questo si può fare senza precludere la comprensione delle varie sale dato che il discorso non è cronologico ma tematico.

9 [1] L'opera con uno spazzio di 16.000 metri quadrati è stata aperta al pubblico il 28 marzo 2011.[3][4]

Collezione[modifica | modifica wikitesto]

Il museo ospita una collezione di circa 60 mila opere di arte europea e messicana, appartenenti a dieci secoli, tra cui opere di Leonardo da Vinci, Tiziano, El Greco, Rubens, Chagall, Picasso, Salvador Dalí, Renoir e Monet, per non parlare delle opere di Auguste Rodin, di cui Slim possiede la collezione privata più importante e la più ampia al di fuori della Francia. Dell'arte sudamericana sono presenti manufatti religiosi, monete e documenti del periodo coloniale.[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) www.businessweek.com
  2. ^ (ES) www.soumaya.com.mx
  3. ^ (EN) www.artinfo.com
  4. ^ Museo Soumaya in Mexico City gets asymmetrical new building, su Wired, 26 novembre 2010.
  5. ^ (ES) AFP, Magnate mexicano Slim reúne en México obras de arte de renombre mundial, google.com. URL consultato il 1º aprile 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  6. ^ (ES) Excélsior, Museo Soumaya gratis y entre los mejores, excelsior.com.mx. URL consultato il 1º aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN135048064 · LCCN: (ENn98013068 · GND: (DE16027932-X