Muhammad al-Mahdi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Muhammad al-Mahdī (in arabo: أبو القاسم محمد بن الحسن المهدي‎, Abū l-Qāsim Muḥammad b. al-Hasan al-Mahdī; Samarra, 869Samarra, entrato in ghayba nell'874), il cui laqab مَهْدِيّ, Mahdī, significa "il ben guidato [da Dio]". È per gli sciiti duodecimani e alauiti l'ultimo Imam, succeduto al proprio padre al-Ḥasan al-ʿAskarī nell'874.

Secondo la credenza sciita maggioritaria, ossia quella dei Duodecimani, egli non è mai morto, ma si è nascosto[1] nel 940 per sfuggire all'ostilità del califfo abbaside, e resterà tale fino alla fine dei giorni quando riapparirà come il Mahdi atteso per la rivivificazione del primo e più puro Islam.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'espressione usata è "entrato in ghayba", ovvero "in occultamento".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN43237806 · ISNI (EN0000 0000 7267 1576 · LCCN (ENn84077035 · GND (DE137173105 · CERL cnp01299149