Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

al-Hasan al-Askari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


Coordinate: 34°11′55.81″N 43°52′23.97″E / 34.198836°N 43.873325°E34.198836; 43.873325

Zulfiqar with inscription.png

al-Ḥasan ibn ʿAlī al-ʿAskarī (Arabo الحسن بن علي العسكر; Medina, 2 dicembre 846Samarra, 1º gennaio 874) è stato l'11° e penultimo Imam sciita.

Il suo nome completo era al-Ḥasan ibn ʿAlī ibn Muḥammad, e fu detto al-ʿAskarī perché era tenuto in residenza obbligata in un campo fortificato (ʿaskar) di Sāmarrāʾ dai suoi acerrimi nemici Abbasidi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'Imām al-Ḥasan ibn ʿAlī al-ʿAskarī è stato l'11º Imam degli sciiti imamiti (o duodecimani) e degli alauiti. Nacque a Medina[1][2] e morì a Sāmarrāʾ.
Suo padre era Ali al-Hadi e sua madre Salīl o Ḥudaytha.

Morì avvelenato il venerdì 1º gennaio 874, su ordine del Califfo abbaside al-Muʿtamid e fu inumato vicino al padre a Sāmarrāʾ (Iraq).

Imamato[modifica | modifica wikitesto]

Al momento del suo martirio aveva 29 anni. La sua biografia completa è divisibile in tre periodi:

  • Per 13 anni visse a Medina.
  • Per 10 anni abitò a Sāmarrāʾ, al tempo dell'Imamato di suo padre Ali al-Hadi.
  • Suo Imamato, di circa 6 anni (dal 254 dell'E. al 260 E.)[3].

Ibn ÷Šahr§¯Šåb, Ma#§lim al- #ulam§", ed. #Abb§s IÎb§l, Tehran 1353/1934, 88

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Fu sposato a una schiava, bizantina o africana, di nome Narjis.[4] Dal loro matrimonio nacque il 12º Imam, Muhammad al-Mahdi, che rimase figlio unico.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Veccia Vaglieri 1986, pp. 246-247.
  2. ^ al-Shaykh al-Mufīd, al-Irshād, Qom, Āl al-Bayt, 1413 dell'Egira, vol. II, p. 313.
  3. ^ Ibn Shahrāshūb, Manaqin, biografia, vol. 4, p. 455.
  4. ^ Mohammad Baqir Majlesi, Biḥãr al-anwãr (I mari di luci), Beirut, al-Wafāʾ, 1403 dell'Egira, vol. 51, p 11.
  5. ^ al-Shaykh al-Mufīd, al-Irshād, Vol. II, p. 339.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96972070 · ISNI (EN0000 0000 7861 779X · LCCN (ENnr92014932 · GND (DE118947265 · CERL cnp00402324
Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di islam