Morire d'amore (film 1971)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Morire d'amore
Morire damore 1971.jpg
Una scena del film
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1971
Durata100 min
Rapporto1,66:1
Generedrammatico
RegiaAndré Cayatte
SoggettoAndré Cayatte, Albert Naud
SceneggiaturaPierre Dumayet
Casa di produzioneCobra Film, Franco London Film
Distribuzione (Italia)Jumbo Cinematografica
FotografiaMaurice Fellous
MontaggioBorys Lewyn
MusicheJorge Araujo Chiriboga
ScenografiaRobert Clavel
Interpreti e personaggi

Morire d'amore è un film drammatico del 1971 diretto da André Cayatte. Coprodotto tra Italia e Francia, dove è uscito col titolo Mourir d'aimer.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante il maggio 1968, Danièle, una insegnante di lingue, si innamora del giovane Gérard, uno dei suoi studenti. I genitori del ragazzo, fortemente contrari a questa relazione, tentano di separarli mandando Gérard in montagna per un breve periodo, ma quando scoprono che i due si vedono ancora la situazione ben presto degenera: Gérard viene espulso dal Liceo, lascia casa sua e va a vivere con Danièle. A questo punto i genitori denunciano la donna per il reato di corruzione di minore. Mentre Danièle entra in carcere, Gérard si dice disposto a tornare a casa dei suoi, purché Danièle venga scarcerata. Anche il giovane però viene condannato, su pressioni di suo padre, a passare un periodo di osservazione in una clinica psichiatrica, dalla quale però scappa quasi subito. Dopo un secondo arresto della donna, le cose precipitano per i due innamorati verso una fine tragica.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è girato perlopiù a Rouen, ed è basato sulla vera storia di Gabrielle Russier, che si suicidò nel 1969 mentre era in attesa del verdetto del processo a suo carico per corruzione di minore.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

... in Francia ebbe più successo di Love Story: Cayatte divide rigidamente buoni e cattivi, e usa ogni mezzo (lecito e no) per commuovere e indignare lo spettatore.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Mereghetti, Dizionario dei film, ed. 1994.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema