Moombahton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moombahton
Origini stilistiche Dutch house, reggaeton
Origini culturali Washington D.C., 2009
Strumenti tipici mixer
Popolarità discreta
Sottogeneri
Moombahcore
Categorie correlate

Gruppi musicali moombahton · Musicisti moombahton · Album moombahton · EP moombahton · Singoli moombahton · Album video moombahton

Il moombahton è uno stile di musica house nato negli Stati Uniti durante i primi anni del nuovo millennio. Citato come un ibrido di house olandese e reggaeton,[1] il moombahton è caratterizzato da influenze latin house, suoni simili a strumenti percussivi e voci (generalmente riprese da dischi hip hop e latin dance).[2]

Inventato da Dave Nada, lo stile ebbe fra i suoi esponenti Dillon Francis, DJ Melo, DJ Sabo, Heartbreak e Munchi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile nacque durante l'autunno del 2009 a Washington dal producer e dj house Dave Nada, che organizzò uno "skipping party" nello scantinato di casa sua.[2] Non potendo suonare musica house e techno, in quanto i partecipanti stavano ballando al ritmo di musica reggaeton e bachata,[2] Nada dovette pensare a un'idea alternativa. Riferendosi a quell'occasione, dichiarò:[2]

« ...provai a rallentare un po' delle mie tracce tropical house e dutch house, misi il remix di Afrojack di Moombah di Silvio Ecomo e DJ Chuckie abbassato a 108 bpm, e la gente andò fuori di testa. Feci lo stesso con Riverside di Sidney Samson, e fu un delirio. Capii al più presto che avrei dovuto registrare degli edit del genere. »

Più tardi, dopo aver approfondito il nuovo stile modificando tracce preesistenti di musica dance in cui vennero tagliati ritmi e aggiunti pattern di sintetizzatore, Nada pubblicò l'EP Moombahton, che fu di fatto la prima uscita dell'omonimo stile.[2] Più tardi, il moombahton godette di una discreta notorietà internazionale e ispirò nuovi musicisti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simon Reynolds, Energy Flash: A Journey Through Rave Music and Dance Culture, Faber & Faber, 2013, [1].
  2. ^ a b c d e Andrea Pomini, Raving about Moombahton, in Rumore magazine #230, pag. 40, marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • SPIN ago 2011 - Moombahton Goes Boom (Puja Patel, pag. 24)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica