Moleca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Moleche)
Jump to navigation Jump to search
Moeche
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneVeneto
Zona di produzionelaguna di Venezia (43 pescatori riuniti nella Cooperativa San Marco di Burano)
Dettagli
Categoriasecondo piatto
RiconoscimentoP.A.T.
SettorePreparazioni di pesci, molluschi e crostacei e tecniche particolari di allevamento degli stessi

Le mołeche (in dialetto veneziano: moeche, pronunciato /mo'eke/) e le masanete sono prodotti agroalimentari tradizionali veneti e dell'alto Adriatico emiliano/veneto/friulano.

Col termine di moeche si indicano nella laguna veneta e nella laguna di Marano i granchi verdi in fase di muta[1], quando cioè, nello spazio di poche ore, nei mesi primaverili (aprile e maggio) e autunnali (ottobre a novembre), abbandonano il loro rivestimento (carapace) e si presentano tenere e molli, da cui il nome. Sono state presidio Slow Food.

Le masanete o masenete (in veneto) o masanetis (in lingua friulana[2]) sono invece le femmine provviste di guscio consumate alla fine dell'estate, quando sono piene di uova e in dialetto veneto prendono il nome di masanete col coral.

La produzione di moleche è unica in Italia e forse nel mondo. Tuttavia altri tipi di granchio (blue crab) sono cucinati nel New England e in Giappone nel periodo di muta similmente a quanto avviene per le moleche.

Uso in cucina[modifica | modifica wikitesto]

Le moleche vanno cotte vive. Esistono tre ricette principali: la prima prevede un taglio sulla schiena in modo che l'acqua rimasta fuoriesca, quindi vengono impanate e fritte; un'altra prevede la frittura senza tagli e l'ultima ricetta prevede che queste vengano poste vive nell'uovo sbattuto e salato, fino a che queste deglutiscano in parte il composto, quindi sono passate nella farina bianca e fritte.

Le masenete sono preparate lesse e condite con aglio, olio e prezzemolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1], LA MUTAZIONE - Da granchio a "moeca", avete mai visto la trasformazione?
  2. ^ CLAAP centro di linguistica applicata, su claap.org.