Michele Novaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«[...] un musicista che ha saputo, sia pure per lo straordinario successo di un'unica composizione, lasciare un segno indelebile di sé nella nostra cultura nazionale.»

(Benedetti, p. 64)
Michele Novaro raffigurato in un dipinto conservato al Palazzo del Quirinale

Michele Novaro (Genova, 23 dicembre 1818[1]Genova, 20 ottobre 1885[2]) è stato un compositore e patriota italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Michele Novaro, nato a Genova, in Liguria, da poco donata al regno di Sardegna dal Congresso di Vienna, è il compositore della musica dell'inno nazionale italiano, Il Canto degli Italiani, su testo di Goffredo Mameli. Forse per la sua indole modesta, non trasse mai grandi vantaggi da questa composizione. La sua attività si basò soprattutto sulla composizione di inni e di canti patriottici da offrire, per le loro forti idee liberali, alla causa del Risorgimento italiano. Fu autore anche delle musiche di un componimento in forma di inno del poeta piemontese Giuseppe Bertoldi.

Nel 1847 era a Torino, con un contratto di secondo tenore e maestro dei cori dei Teatri Regio e Carignano. Convinto liberale, pose il suo talento compositivo al servizio della causa d'indipendenza, musicando molti canti patriottici e organizzando varie raccolte di fondi per finanziare e sostenere le imprese di Giuseppe Garibaldi. Tornato a Genova, fra il 1864 e il 1865 fondò una Scuola Corale Popolare, ad accesso gratuito, alla quale dedicò tutto il suo impegno. Morì in disparte, il 20 ottobre 1885, tra difficoltà finanziarie e problemi di salute. Per iniziativa dei suoi ex allievi, gli venne eretto un monumento funebre nella sua città natale nel cimitero monumentale di Staglieno, accanto alla tomba di Giuseppe Mazzini[3].

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Opere didattiche[modifica | modifica wikitesto]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Iovino; Benedetti, p. 61.
  2. ^ Morì in Via della Pace (Genova) alle 11:45 -atto morte n.691 Uff.1 -SC Ge/Arch. St.Ge
  3. ^ Cfr. la pagina informativa dedicata all'inno nel sito ufficiale della Presidenza della Repubblica: https://www.quirinale.it/page/inno
  4. ^ Benedetti, pp. 65-66.
  5. ^ Ö mego pe forza: opera in 3 atti in dialetto genovese. Poesia di N. Bacigalupo, musica del maestro cav. Michele Novaro, Genova, Tipografia dei fratelli Pagano, 1874 (che però non contiene la partitura).
  6. ^ Manoscritto autografo, custodito presso la biblioteca del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova, pubblicato online con la trascrizione a fronte.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37104124 · ISNI (EN0000 0001 1621 7026 · Europeana agent/base/66478 · LCCN (ENn2002071788 · GND (DE1014041163 · BNF (FRcb13924135f (data) · BNE (ESXX4782553 (data) · CERL cnp01298215 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002071788