Michael Monsoor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Michael A. Monsoor)
Michael Anthony Monsoor
Monsoor 2.jpg
5 aprile 1981 - 29 settembre 2006
Nato a Long Beach, California
Morto a Ramadi, Iraq
Cause della morte Esplosione
Luogo di sepoltura Fort Rosecrans National Cemetery
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
Forza armata United States Navy
Anni di servizio 2001 - 2006
Grado Capitano d'armi
Campagne
Decorazioni

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Michael Anthony Monsoor (Long Beach, 5 aprile 1981Ramadi, 29 settembre 2006) è stato un militare statunitense, membro dei Navy SEALs, ucciso durante la guerra d'Iraq e decorato con la Medal of Honor.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Michael Monsoor in Iraq nel 2006.

Michael Anthony Monsoor nacque il 5 aprile 1981 a Long Beach, in California, da George, ex-marine di origini libanesi e Sally Boyle Monsoor, di origini irlandesi. Terzo di quattro figli, Monsoor sin da bambino era affetto da asma, ma riuscì a rafforzare i suoi polmoni nuotando con i suoi fratelli nella piscina.

Dopo aver frequentato il Dr. Walter C. Ralston Intermediate School e il Garden Grove High School di Garden Grove, dove si diplomò nel 1999, il 21 marzo 2001 si arruola volontario nella Marina degli Stati Uniti e nel 2004 supera il BUD/S presso San Diego.

Dopo il BUD/S prese parte ad altri corsi avanzati di formazione, tra cui paracadutismo presso la Basic Airborne School e combattimento tattico a Kodiak in Alaska, superando anche sei mesi di addestramento SQT presso Coronado. Ritenuto idoneo nel marzo 2005, venne assegnato nel Plotone Delta del Team 3 con il grado di capitano d'armi.

Inviato a Ramadi durante la guerra d'Iraq, Monsoor prese parte a diverse azioni militari e venne insignito della Silver Star per essere tornato indietro a soccorrere un commilitone ferito[1]. Il 29 settembre del 2006 Monsoor e altri tre compagni salirono su un tetto per controllare la situazione dall'alto e prevenire eventuali azioni nemiche: tuttavia una granata lanciata dalla strada riuscì ad arrivare sul tetto e rimbalzò sul petto di Monsoor, il quale, accortosi del pericolo, si gettò sulla bomba per salvare i commilitoni[2]. Il corpo di Monsoor riuscì ad attutire l'esplosione e i compagni risultarono solo feriti, mentre lui venne investito gravemente dalla detonazione e morì trenta minuti dopo. Poiché la posizione di Monsoor sul tetto gli avrebbe consentito l'accesso migliore alla via di fuga, la sua azione risultò ancor più eroica e per questo motivo il governo statunitense decise di conferirgli la Medal of Honor, la massima onorificenza della nazione[3].

In onore di Monsoor la seconda nave in ordine di importanza della classe Zumwalt è stata denominata USS Michael Monsoor (DDG-1001)[4]. Inoltre gli è stato intitolato un battaglione del corpo dei cadetti con base a Camp Pendleton.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Giving one life to save three, Los Angeles Times, 1º aprile 2008. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  2. ^ Americano a Ramadi, Il Foglio, 11 aprile 2008. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) Bush Emotional at Medal Ceremony for Fallen Navy SEAL, ABC, 8 aprile 2008. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  4. ^ (EN) SECNAV Names New Zumwalt-Class Destroyer USS Michael Monsoor, Dipartimento della Difesa, 30 ottobre 2008. URL consultato l'11 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]