Meteorite di Saint-Aubin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Saint-Aubin
Tipo di meteorite Meteorite ferrosa
Classificazione chimica IIIAB
Classificazione strutturale Ottaedrite
Composizione Fe; 11% Ni
Stato Francia
Regione Aube, Grand Est
Coordinate 48°28′N 3°33′E / 48.466667°N 3.55°E48.466667; 3.55Coordinate: 48°28′N 3°33′E / 48.466667°N 3.55°E48.466667; 3.55
Caduta osservata No
Data della caduta 55.000 anni fa
Data ritrovamento 1968
Massa conosciuta (TKW) ≈ 7.000 kg

La meteorite di Saint-Aubin è la più grande meteorite conosciuta caduta in Francia: fa parte delle meteoriti trovate (found in inglese) in quanto non è stata osservata la sua caduta (fall in inglese). La meteorite è una meteorite ferrosa appartenente alle ottaedriti.

Storia della scoperta[modifica | modifica wikitesto]

La meteorite è nota dal 2002, sebbene il primo esemplare sia stato trovato nel 1968 e la maggior parte della meteorite sia stata scoperta e recuperata nel 2018. Il primo esemplare fu scoperto casualmente nel 1968 da un contadino, la sua scoperta fu resa nota solo nel 2002 e portò alla scoperta di altri quattro esemplari [1]. Oltre dieci anni dopo fu organizzata da membri della "Commissione delle meteore, meteoriti e impattismo" della Société Astronomique de France una campagna di ricerche tra la fine di marzo e l'inizio di ottobre 2018 per la ricerca sistematica di frammenti meteoritici con uno speciale cercametalli e droni: il risultato più eclatante fu il rinvenimento il 3 ottobre 2018 di un esemplare del peso di 477 kg. [2]. Il team che ha compiuto le ricerche ed il recupero della meteorite era composto tra gli altri da Pierre Antonin, Brian Barret, André Carpentier, Emmanuel Dransart e Alain Gallien: Antonin, oltre ad aver diretto il team è l'inventore dello speciale cercametalli sperimentale che ha permesso il ritrovamento degli esemplari della meteorite [3] [4].

Località del ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

I frammenti della meteorite sono stati trovati nel comune di Saint-Aubin (dipartimenti dell'Aube, regione del Grand Est).I frammenti sono stati trovati in 123 singoli punti d'impatto distribuiti in un'area ellittica lunga 1.100 m e larga 900 m [5], i frammenti sono stati trovati sotto il livello del suolo a profondità comprese tra i 30 e i 90 centimetri [6].

Età della caduta[modifica | modifica wikitesto]

La caduta della meteorite sarebbe avvenuta 55.000 anni fa[7].

Peso e dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Il primo esemplare fu scoperto casualmente nel 1968 da un contadino, pesava 170 kg e aveva dimensioni di 50 x 50 x 40 cm. La sua scoperta fu resa nota solo nel 2002 e portò alla scoperta di altri quattro esemplari del peso di 144 kg, 67 kg, 65 kg e 27 kg, tutti entro 8 km dal luogo di ritrovamento del primo esemplare [8]. Il 3 ottobre 2018 fu rinvenuto un esemplare del peso di 477 kg. La massa totale dei frammenti recuperati è attualmente dell'ordine delle 6 tonnellate [9].

Prima di entrare nell'atmosfera terrestre e quindi prima che iniziasse l'ablazione, il meteoroide che ha dato origine alla meteorite di Saint-Aubin aveva circa 1,7 metri di diametro e una massa di circa 20 tonnellate [10].

Tipo[modifica | modifica wikitesto]

La meteorite appartiene alle ottaedriti di tipo Of [11]. Per la sua composizione appartiene al gruppo IIIAB ed è considerata una meteorite ad alto tenore di nichel, alto tenore di oro e basso contenuto di iridio [12].

Composizione e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Essendo una ottaedrite, il principale componente chimico è di gran lunga il ferro (Fe). Le percentuali degli elementi chimici secondari della meteorite sono le seguenti [13]:

Elemento
chimico
Percentuale
(%)
nichel (Ni) 11,5 ± 1
cobalto (Co) 0,4
fosforo (P) 0,2
germanio (Ge) 0,0083
gallio (Ga) 0,0028
iridio (Ir) 0,00002

Altre caratteristiche presentate dalla meteorite sono le figure di Widmanstätten [14] e le linee di Neumann nella Camacite: queste linee sono un indice di collisioni tra asteroidi e/o comete [15] [16].

Particolarità specifica di questa meteorite è la presenza di grandi cristalli di Cromite [17].

La CRE (Cosmic-Ray Exposure age, in italiano periodo di esposizione ai raggi cosmici) della meteorite, ossia il tempo durante il quale il materiale costituente la meteorite è rimasto esposto ai raggi cosmici a seguito dell'ultima collisione cosmica che ha portato il materiale stesso a non essere più schermato da più di mezzo metro di materia, è stata calcolata in base al rapporto 36Ar/36Cl in 520 ± 30 milioni di anni, in precedenza Nishimura & altri usando Elio-3 l'avevano valutata 9-16 milioni di anni [18].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Karl Thomas Fehr & Alain Carion, Unusual large chromite crystals in the Saint Aubin iron meteorite, Meteoritics & Planetary Science, vol. 39, n. 8, supplemento A121-A132 (2004), pag. A139-A141 (2004), agosto 2004
  2. ^ (FR) DÉCOUVERTE DE LA PLUS GROSSE MÉTÉORITE FRANÇAISE
  3. ^ (FR) Découverte du plus gros gisement de météorites en France
  4. ^ (FR) DÉCOUVERTE DE LA PLUS GROSSE MÉTÉORITE FRANÇAISE
  5. ^ (FR) DÉCOUVERTE DE LA PLUS GROSSE MÉTÉORITE FRANÇAISE
  6. ^ (FR) Découverte du plus gros gisement de météorites en France
  7. ^ (FR) [www.theses.fr/2015AIXM4302.pdf The flux of meteorites on Earth: Contribution of measuring the concentration of multiple cosmogenic nuclides, and collections in arid areas.]
  8. ^ (EN) Karl Thomas Fehr & Alain Carion, Unusual large chromite crystals in the Saint Aubin iron meteorite, Meteoritics & Planetary Science, vol. 39, n. 8, supplemento A121-A132 (2004), pag. A139-A141 (2004), agosto 2004
  9. ^ (FR) DÉCOUVERTE DE LA PLUS GROSSE MÉTÉORITE FRANÇAISE
  10. ^ (FR) [www.theses.fr/2015AIXM4302.pdf The flux of meteorites on Earth: Contribution of measuring the concentration of multiple cosmogenic nuclides, and collections in arid areas.]
  11. ^ (EN) Karl Thomas Fehr & Alain Carion, Unusual large chromite crystals in the Saint Aubin iron meteorite, Meteoritics & Planetary Science, vol. 39, n. 8, supplemento A121-A132 (2004), pag. A139-A141 (2004), agosto 2004
  12. ^ (EN) Saint-Aubin
  13. ^ (EN) Saint-Aubin
  14. ^ (FR) DÉCOUVERTE DE LA PLUS GROSSE MÉTÉORITE FRANÇAISE
  15. ^ (EN) Karl Thomas Fehr & Alain Carion, Unusual large chromite crystals in the Saint Aubin iron meteorite, Meteoritics & Planetary Science, vol. 39, n. 8, supplemento A121-A132 (2004), pag. A139-A141 (2004), agosto 2004
  16. ^ (EN) Saint-Aubin
  17. ^ (FR) [www.theses.fr/2015AIXM4302.pdf The flux of meteorites on Earth: Contribution of measuring the concentration of multiple cosmogenic nuclides, and collections in arid areas.]
  18. ^ (FR) [www.theses.fr/2015AIXM4302.pdf The flux of meteorites on Earth: Contribution of measuring the concentration of multiple cosmogenic nuclides, and collections in arid areas.]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]