Metastasi (saggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Metastasi
AutoreGianluigi Nuzzi
Claudio Antonelli
1ª ed. originale2010
Generesaggio
Sottogenereinchiesta
Lingua originaleitaliano

Metastasi è un reportage scritto da Gianluigi Nuzzi e Claudio Antonelli, pubblicato dall'editore milanese Chiarelettere nel 2010 e giunto in pochi mesi alla 4ª edizione.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Costruito con i ritmi di un romanzo criminale, fra colpi di scena e storie agghiaccianti, il saggio-inchiesta firmato da Nuzzi e Antonelli (entrambi giornalisti del quotidiano milanese Libero, inviato l'uno e responsabile della redazione economica l'altro) si apre con le rivelazioni del collaboratore di giustizia Giuseppe Di Bella, per decenni amico e fiduciario del boss calabrese emigrato in Lombardia Franco Coco Trovato. Il libro ricostruisce così la rete delle infiltrazioni della 'ndrangheta nel Nord Italia, soprattutto in Lombardia, dove, oltre a controllare traffici di armi e di droga, è presente nelle varie attività produttive e detiene anche importanti quote di liquidità, il sistema del recupero crediti e gran parte degli immobili commerciali. Nelle sue pagine si delinea anche la trama di rapporti e complicità, di amicizie ed affari, che lega la criminalità al mondo della politica e a quello dell'imprenditoria.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianluigi Nuzzi e Claudio Antonelli, Metastasi. Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud. La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito, Milano, Chiarelettere, 2010. ISBN 978-88-6190-110-0.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • "Metastasi, un viaggio nella 'ndrangheta del nord Italia", recensione su Libero Quotidiano.it del 1º dicembre 2010
  • "Dopo i segreti del Vaticano, Nuzzi racconta quelli della 'ndrangheta...", recensione su affaritaliani.it Archiviato il 14 gennaio 2012 in Internet Archive. del 1º dicembre 2010
  • Sebastiano Di Mauro, "Presentato il libro Metastasi. Sangue, soldi e politica tra nord e sud, recensione su il Democratico del 3 dicembre 2010