Mercato delle Erbe (Ancona)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coordinate: 43°37′06″N 13°30′50″E / 43.618333°N 13.513889°E43.618333; 13.513889
Mercato delle erbe Ancona anno 1926 - entrata

Il mercato delle erbe di Ancona è una struttura in ferro e ghisa costruita a metà degli anni venti del Novecento dagli operai del cantiere navale usando in parte il metallo delle navi austriache cedute all'Italia in risarcimento dei danni della I Guerra Mondiale (tra esse la corazzata SMS Erzherzog Franz Ferdinand, che aveva cannoneggiato Ancona il 24 maggio 1915), con il preciso scopo di coprire la già esistente piazza.[1] Si trova ubicato lungo la parte alta di corso Mazzini (corso vecchio), in posizione centralissima e facilmente raggiungibile da qualsiasi altro punto d'interesse storico-culturale della città dorica.

Come suggerisce il nome, l'edificio è stato e viene ancora utilizzato come mercato cittadino coperto, ma la struttura ospitante, in perfetto e pregevole stile liberty, è di indubbio valore artistico e architettonico; per questo motivo, nell'ambito del progetto di riqualificazione del centro storico (peraltro già avviato), il mercato delle erbe è destinato a diventare un punto fermo per la cultura e l'aggregazione della città. Non vi è ancora un progetto definitivo, ma i più vorrebbero il recupero della struttura in stile Covent Garden di Londra, unitamente al recupero di numerosi mosaici di epoca romana (I secolo a.C.I secolo d.C.) rinvenuti in corso Mazzini durante i lavori per la messa in opera del mercato stesso nel 1926.

Alcuni mosaici sono stati rinvenuti proprio sotto Corso Mazzini, nel tratto dal Mercato delle Erbe a Piazza Roma. Sono stati protetti con materiali inerti (sabbia o altro) ed è stata riattata la strada con una copertura provvisoria.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'antico Mercato delle erbe torna a nuova vita, Il Resto del Carlino, 2 marzo 2012. URL consultato il 5 marzo 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]