Melt Yourself Down

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Melt Yourself Down
Paese d'origineRegno Unito Regno Unito
GenereJazz
Funk
Punk rock
Rock psichedelico
Periodo di attività musicale2012 – in attività
EtichettaThe Leaf Label, Decca Records
Album pubblicati4
Studio3
Live1
Sito ufficiale

Melt Yourself Down sono una band di Londra che incorpora elementi di stili musicali nordafricani, punk, jazz e funk. Fondata nel gennaio 2012, la band è guidata dal sassofonista Pete Wareham, ex leader dell'ormai defunta band jazz/punk Acoustic Ladyland e sassofonista della band jazz britannica Polar Bear. La formazione originale comprendeva il sassofonista Shabaka Hutchings (Sons Of Kemet, The Comet Is Coming, The Heliocentrics), il batterista Tom Skinner (Sons of Kemet, Mulatu Astatke, Hello Skinny), il cantante Kushal Gaya (Zun Zun Egui), il bassista Ruth Goller (Acoustic Ladyland) e il percussionista Satin Singh (Fela!, Transglobal Underground).

Hanno firmato con The Leaf Label e hanno pubblicato il loro album di debutto il 17 giugno 2013, seguito da Live At The New Empowering Church il 19 aprile 2014. Il loro secondo album in studio, cognome Evenings On Earth, è stato rilasciato il 29 aprile 2016.

Hanno firmato con la Decca Records nel 2019 e hanno pubblicato il loro terzo album in studio, 100% Yes, il 27 marzo 2020.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo scioglimento della band Acoustic Ladyland, Peter Wareham inizia ad esplorare musica egiziana, nubiana e di altri paese nordafricani. Ha assemblato la band con musicisti con cui aveva lavorato in vari progetti e collaborazioni, inizialmente con l'intenzione di formare una band strumentale. Il cantante Kushal Gaya è stato aggiunto al gruppo poco dopo le prove iniziali.[1]

La band prende il nome da un album di James Chance, pubblicato in Giappone nel 1986 su Selfish Records. Wareham ha dichiarato di aver contattato Chance chiedendogli di poter utilizzare il nome dell'album e di aver ricevuto "la sua benedizione" per il progetto[2]. Melt Yourself Down si è successivamente esibito con James Chance in occasione di spettacoli a New York e Londra nel 2014. Wareham e Chance avevano precedentemente collaborato quando Chance si è esibito in una traccia del terzo album di Acoustic Ladyland, Skinny Grin.

Nel giugno 2013, la band ha pubblicato il loro album omonimo Melt Yourself Down[3][4], con i singoli "We Are Enough", "Release!" e "Fix My Life". L'album è stato prodotto e mixato dal cantautore, musicista elettronico e artista londinese Leafcutter John, che si esibisce al fianco di Wareham nei Polar Bear.

Come parte del Record Store Day 2014, Melt Yourself Down hanno pubblicato l'album Live at the New Empowering Church, con solo 900 copie dell'LP in vinile disponibili in tutto il mondo. L'album è stato registrato in uno spettacolo tutto esaurito ad Hackney, Londra, il 29 novembre 2013 e contiene sette tracce dell'album di debutto della band. Il sassofonista dei Melt Yourself Down Shabaka Hutchings e la bassista Ruth Goller vengono sostituiti rispettivamente da Wayne Francis (United Vibrations) e Leon Brichard (Ibibio Sound Machine).

Il secondo album in studio di Melt Yourself Down, Last Evening On Earth, è stato pubblicato per The Leaf Label il 29 aprile 2016, anticipato il 18 novembre 2015 dal singolo "Dot to Dot"[5]. Il brano "The God Of You" è stato rilasciato il 26 febbraio come secondo singolo[6]. Clash ha elogiato l'album come "un'esplosione di esplorazione musicale" con "un tono apocalittico"[7]. Nell'agosto 2016, cognome Evenings On Earth è stato nominato per il Best ‘Difficult’ Second Album agli AIM (Association of Independent Music) Awards[8].

Nel 2019 i Melt Yourself Down hanno firmato con la Decca Records e il 17 luglio 2019 hanno annunciato l'uscita del nuovo singolo "Boot & Spleen", il primo del loro prossimo terzo album in studio 100% Yes.

Dopo l'uscita dei singoli "It Is What It Is", "Every Single Day" e "Crocodile", la band ha pubblicato 100% Yes il 27 marzo 2020. Era previsto un tour nazionale che purtroppo è stato rimandato a causa della pandemia di coronavirus.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

  • Live at the New Empowering Church (2014)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • We Are Enough (2012)
  • Fix My Life (2013)
  • Release! (2013)
  • Camel (2013)
  • Dot To Dot (2015)
  • The God Of You (2016)
  • Another Weapon (2016)
  • Boot and Spleen (2019)
  • Every Single Day (2020)
  • Crocodile (2020)

Stile e influenze musicali[modifica | modifica wikitesto]

Melt Yourself Down prende i suoi interessi musicali da una vasta gamma di paesi e culture e ha costruito uno stile unico, attingendo dalla musica egiziana e nubiana, punk rock, jazz, rock psichedelico, elettronica, funk e altro ancora. Wareham ha descritto lo stile come "musica party-punk ispirata alla musica nubiana"[9]. In una successiva intervista ha aggiunto "Il bisogno di ballare è ancora presente, ma ora mi sento ispirato dall'idea della città come un prisma attraverso il quale passano tutti i tipi di influenze globali... Traduzione, immigrazione, superamento degli ostacoli - e più importante di tutti, l'unità umana»[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Interview: Pete Wareham, su M Magazine, 11 giugno 2013. URL consultato il 20 novembre 2013.
  2. ^ Jonny Abrams, Interview: Melt Yourself Down - Rocksucker, su Rocksucker, 17 marzo 2013. URL consultato il 20 novembre 2013.
  3. ^ Heather Phares, Melt Yourself Down, Artist Biography, su AllMusic. URL consultato il 19 maggio 2015.
  4. ^ Time Out London's 40 Best Albums of 2013, su The Daily Telegraph, 13 giugno 2013. URL consultato il 14 maggio 2015.
  5. ^ LISTEN: New Melt Yourself Down, su The Quietus, 17 novembre 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  6. ^ LISTEN: New Melt Yourself Down, su The Quietus, 26 febbraio 2016. URL consultato il 12 aprile 2016.
  7. ^ Melt Yourself Down Return, su Clash, 29 febbraio 2016. URL consultato il 12 aprile 2016.
  8. ^ AIM Independent Music Awards, su musicindie.com, AIM, 2 agosto 2016. URL consultato il 10 agosto 2016.
  9. ^ Melt Yourself Down - Ecognomeic Artists, su Ecognomeic Artist. URL consultato il 20 novembre 2013.
  10. ^ Melt Yourself Down - new album + single, su The Leaf Label, 26 febbraio 2016. URL consultato il 15 aprile 2016.

Collegamenti Esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica