Max Weiss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Miksa Weiss, meglio noto come Max Weiss (Sereď, 21 luglio 1857Vienna, 14 marzo 1927), è stato uno scacchista ungherese naturalizzato austriaco.

Nato in una città ungherese allora facente parte dell'Impero Austro-Ungarico (oggi in Slovacchia), si trasferì a Vienna per studiare matematica e fisica, materie che poi insegnò. Imparò gli scacchi a dodici anni, e dopo il 1880 la sua forza di gioco aumentò costantemente.

Il suo più grande successo fu la vittoria, a pari merito con Mikhail Chigorin, nel mega-torneo di New York 1889 (VI Congresso degli Stati Uniti), organizzato col sistema all'italiana a doppio turno, con 20 concorrenti e 38 turni (è considerato uno dei più lunghi tornei della storia degli scacchi). Weiss realizzò +24 –4 =10. Un match di spareggio su quattro partite con Chigorin terminò in parità. Il vincitore del torneo avrebbe avuto il diritto di giocare un match per il titolo mondiale con Wilhelm Steinitz, ma nessuno dei due co-vincitori se ne avvalse. Il match si svolse con il terzo classificato, l'ungherese naturalizzato britannico Isidor Gunsberg.

Altri risultati di rilievo:

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Max Weiss scrisse numerosi libri di scacchi, tra cui il manuale Kleines Schachspiels Lehrbuch (Vienna, 1920), il trattato sulle aperture Theoretische Eröffnungen des Schachspiels (Ravensburg, 1938), e una raccolta di partite brillanti, Schach-Meisterstreiche (Mülhausen, 1918).

Scrisse anche alcune opere sui problemi di scacchi, tra cui Caissa Bambergensis (Bamberg, 1902) e 200 in Problemturnieren ausgezeichnete Zweizüger (Ausbach, 1903).

Nel 1905 abbandonò gli scacchi per dedicarsi a una carriera di banchiere a Vienna.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN281754489