Matteo Guarnaccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Matteo Guarnaccia (Milano, 1954) è un artista e storico del costume italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attivo dagli inizi degli anni Settanta, come agitprop culturale della scena alternativa con la rivista psichedelica "Insekten Sekte", da lui fondata ad Amsterdam e diffusa lungo la "Hippie Trail". Con il suo inconfondibile tratto grafico, collabora con diverse testate controculturali del periodo, dall'americana "Berkeley Barb" all'italiana "Fallo!".

Negli anni Ottanta, si interessa di sciamanesimo e culture tradizionali, viaggia in Giappone, Stati Uniti, Sud America e Australia. Illustratore, pittore, saggista, organizzatore di eventi, espone in Italia, Stati Uniti, Giappone, Paesi Bassi, Germania, Spagna e Svizzera, sia in luoghi istituzionali (come la Triennale di Milano) che in ambienti creativi anomali. Nel corso degli anni ha saputo aggiornare continuamente l'immaginario psichedelico, riallacciando le fila sotterranee di una ricerca mistico-evoluzionista che non si è mai interrotta. La sua opera è un intreccio di echi provenienti simultaneamente da culture arcaiche, moderne tecniche di analisi psichica, ricerche scientifiche sulle attività della mente, il tutto opportunamente miscelato da robuste dosi di ironia. Ha saputo fondere con abilità in un unico segno diverse tradizioni culturali, con uno stile che rimane a tutt'oggi estremamente elastico e magicamente visionario, capace di espandersi con incredibile rutilanza (pensiamo alle copertine dei dischi, alle impaginazioni editoriali, ma anche alle sue tele), così come di fissarsi in quelle deliziose e incisive icone (così aperte, ma stabili, insieme fresche e sicure) che rappresentano la sua produzione come illustratore. Attivo nel campo del design (Bruno Munari, Studio Mendini, Italo Rota. Alessandro Guerriero, Alberto Biagtti), del giornalismo (D-La Repubblica, Alias, Gap Japan, Zoom France, Wired, Vogue, Abitare) e della moda (Stephane Marais, Yoox, Vivienne Westwood, Malo, Biba). Storico del costume e critico d'arte, ha pubblicato oltre trenta saggi sulle avanguardie storiche e sui movimenti creativi antagonisti. È uno dei pochi artisti italiani presenti nel prestigioso volume "Art of Modern Rock" di Grushkin & King (2004).

« Divertente e filosofico, ha raggiunta la massima capacità espressiva possibile nel rendere per immagini le fantasie psichedeliche »

(Albert Hofmann)

« Uno stile ben integrato che trasmette l'esperienza psichedelica con spavalderia »

(Wes Wilson)

« Porta avanti la tradizione dell'arte visionaria »

(Last Gasp News Letter)

« … per questo mi piacciono i suoi lavori: perché oltre a smuovere un bagaglio di ricordi sono dotati di una profonda onestà intellettuale. L'artista si guarda allo specchio e non vede solo se stesso ma un intero universo di segni, immagini, e colori. Come un tempo, come sempre. »

(Luca Beatrice)

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Matteo Comix", 1974, Fallo!
  • "Taipi", 1978, Ottaviano
  • "Filastrocche per un anno", 1978, Ottaviano
  • "Jimi Hendrix", 1980, Rolling Stone
  • "Bob Dylan- Le risposte nel vento in formato poster", (1980), (Ottaviano)
  • "Arte Psichedelica e controcultura in Italia", (1988), (Stampa Alternativa)
  • "Fiammiferi-Match Boxes", 1989, (Be-Ma)
  • Skate, Arte e Cultura delle Tavole su Ruote (Stampa Alternativa) 1990
  • "Born Again Pagan Travel Book", 1991, Papalagi
  • "Sweet Little Shake of Spine", 1992, Papalagi
  • "A Tribal Education",1993, Papalagi
  • 60/70 Stampa Underground in Italia (Stampa Alternativa) 1995
  • Beat & Mondo Beat (Stampa Alternativa) 1996
  • Almanacco psichedelico (Nautilus) 1996
  • "Smiling Shaman", 1996, Papalagi/COX18
  • Provos, Amsterdam 1960 - 1967: Gli Inizi della Controcultura (AAA Edizioni) 1997
  • Summer of love, A Condensed Hipstory (Stampa Alternativa) 1997
  • Paradiso psichedelico, Amsterdam 1967 - 1974: La Mecca degli Hippies (AAA Edizioni) 1998
  • Magickal Mystery Book. Visioni esoteriche intorno ai Beatles (Apogeo - Urrà) 1998
  • Underground Italiana (Malatempora) 2000, (Shake edizioni, ed. updated) 2011
  • Hippies (Malatempora) 2002
  • "Cosmic Playground", 2003, Jubal
  • "The Supper", 2003, COX 18
  • Coautore di Elementi Davanti Alla Gran Dea 2004, Jubal
  • "Kaleidoscope- 1964/1974 Suoni e visioni della Psichedelia", 2004, (Comune di Carpi)
  • "Gioco, Magia e Anarchia", 2005, (Cox18)
  • Almanacco della Pace 2006, (Stampa Alternativa)
  • "Vivienne Westwood- Shoes, 1973/2006", 2006), (Damiani)
  • "Anthology" 2007, Gariazzo editore
  • Ribelli con stile. Un secolo di mode radicali 2009, Shake edizioni, ISBN 978-88-88865-84-3.
  • "Psychedelic Heroes", (2010), (Volo Libero)
  • "Psichedelica" (2010), (Shake edizioni)
  • "Bob Dylan Fun Book", (2010), (Volo Libero)
  • "Re Nudo Pop Festival", (2010), (Volo Libero)
  • "Quelli che Milano...", con Giancarlo Ascari (2011), (Rizzoli)
  • "Guernica Blues" (2012), (Shake edizioni) ISBN 9788897109211
  • "Dreamers and Dissenters" (2012), (Volo Libero)
  • "Barbarossa" 2012[1], (Rizzoli)
  • "Vivienne Westwood", 2014, Moleskine
  • "Sciamani", 2014, Shake edizioni
  • "Elio Fiorucci", 2014, Moleskine (Ristampa 24HCultura, 2016)
  • "Pirati", 24HCultura, 2015
  • "Bob Dylan Play Book", 2015, 24HCultura
  • "Punk Play Book", 2016, 24HCultura
  • "David Bowie Play Book", 2016, 24HCultura
  • "Fashion Sabotage", 2016, 24HCultura
  • "Hippy Revolution", 2017, 24HCultura
  • "Tutto ciò di cui hai bisogno è amore!", 2017, Shake Edizioni
  • "Il Grande Libro della Psichedelia", 2017, Hoepli

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN65197138 · ISNI (EN0000 0000 7878 1469 · SBN IT\ICCU\RAVV\076232 · LCCN (ENn97042380 · GND (DE133468569 · BNF (FRcb16721161b (data)