Massimo Barra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimo Barra interviene all'Assemblea Generale delle Nazione Unite nel 2016 sul tema droga
Massimo Barra

Massimo Barra (Roma, 22 agosto 1947) è un medico italiano esperto di tossicodipendenze, con numerosi incarichi di responsabilità nella Croce Rossa.

Massimo Barra in Niger, Operazione Sahel'85.
Massimo Barra, seduto, al 40' anniversario di Villa Maraini

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Barra è uno tra i primi medici in Italia a prendersi cura professionalmente dei tossicodipendenti. Ha iniziato questa attività dal 1974 presso il Centro delle Malattie Sociali del Comune di Roma e due anni dopo ha costituito Villa Maraini, la cui Fondazione ha diretto per più di 30 anni.

È stato Primario della Clinica "Madonna del Tufo" dal 1986 al 2005.

Nel 1993 e 1994 è stato Assessore alle Politiche della Solidarietà della Provincia di Roma.

Ha ricoperto numerose cariche di alta responsabilità presso la Croce Rossa Italiana e la Croce Rossa Internazionale. Per la Croce Rossa ha effettuato oltre 450 missioni in più di 120 paesi.

Vita professionale[modifica | modifica wikitesto]

Volontario della Croce Rossa fin dall'età di 8 anni, Barra è stato per 8 anni Presidente Nazionale dei Pionieri della Croce Rossa e per 21 anni Ispettore Nazionale dei 70.000 Volontari del Soccorso attivi in 1.050 località su tutto il territorio nazionale.

Dopo un lungo periodo in cui la Croce Rossa Italiana è stata diretta da commissari straordinari, l'11 dicembre 2005 Massimo Barra è eletto Presidente Nazionale della Croce Rossa Italiana con 623 preferenze su 637 votanti, succedendo a Maurizio Scelli. Ha ricoperto questa carica fino al 30 ottobre 2008.

A Ginevra alla Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Massimo Barra è stato Presidente della Commissione Giovani dal 1974 al 1982, Presidente della Commissione Sviluppo dal 1982 al 1990 e dal 2005 al 2008, Vice Presidente dal 28 aprile 2004 al 2005.

È stato Presidente dell'E.R.N.A. (European Red Cross Network on AIDS) dal 1998 al 2003.

Nel 2003 è stato membro del Consiglio di Amministrazione del Fondo globale per la lotta all'Aids, la tubercolosi e la malaria (GFATM).

È stato fino al 2019 componente della Commissione Permanente della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa dal 2007, ricoprendo il ruolo di Vice Presidente da novembre 2007 a novembre 2009 e Presidente da novembre 2009 a novembre 2011.

Dal 2012 è Presidente della Red Cross Red Crescent Partnership on Substance Abuse

Dal 2019 Nell’ambito della Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa ricopre l’incarico di Inviato Speciale per la Salute.

E' di nuovo Presidente di E.R.N.A. (il network europeo di Croce Rossa per HIV, epatiti e droga).

E' inoltre l’ideatore del Manifesto Umanitario internazionale sulla droga “Rome Consensus”, presentato alle Nazioni Unite a Vienna nel 2020.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'Oro al Merito della Croce Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro al Merito della Croce Rossa
— 1991
Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica
— 2005
Gran Croce al Merito della Croce Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito della Croce Rossa
— 2005
Gran Croce al Merito dell'Ordine di Danilo I del Montenegro - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito dell'Ordine di Danilo I del Montenegro
— 2008
Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 2008
Cavaliere di Gran Croce del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
— 2016
  • Medaglia d'Oro al Merito della Croce Rossa Spagnola (2002)
  • Medaglia della Croce Rossa Slovacca per "l'Umanità, la Solidarietà ed il Servizio Volontario" (2003), ricevuta dal Presidente della Repubblica Slovacca Rudolf Schuster
  • Medaglia d'Oro al Merito della Croce Rossa Sammarinese (2005)
  • È cittadino onorario della città di Bagni di Lucca (2005)
  • Medaglia di Vermeil della riconoscenza della Croce Rossa Monegasca (2008), ricevuta dal Principe Alberto II di Monaco
  • Medaglia dell'Ordine Katarine Zrinske per alti meriti in campo umanitario (2008), insignito dal Presidente della Repubblica Croata, Stjepan Mesić
  • Attestato di Civica benemerenza conferito dalla città di Cagli (2008)
  • Encomio solenne con medaglia d'argento “al Merito” dalla città di Minturno (1997)
  • Socio Onorario della Croce Rossa Croata (2007)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22344717
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie