Massimiliano Carlo di Löwenstein-Wertheim-Rochefort

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimiliano Carlo
MaximilianLowenstein-GovernorMilan.jpg
Principe di Löwenstein-Wertheim-Rochefort
In carica 1672–1718
Nascita Rochefort, 14 luglio 1656
Morte Milano, 26 dicembre 1718
Padre Ferdinando Carlo, Conte di Löwenstein-Wertheim-Rochefort
Madre Contessa Anna Maria di Fürstenberg
Consorte Contessa Maria Polyxena Khuen von Lichtenberg und Belasi
Figli Principessa Maria Teresa Francesca di Löwenstein-Wertheim-Rochefort
Eleonora, Langravia d'Assia-Rotenburg
Maria Leopoldina, Contessa von Starhemberg
Domenico Marquardo, II Principe di Löwenstein-Wertheim-Rochefort

Massimiliano Carlo Alberto, Principe di Löwenstein-Wertheim-Rochefort (Rochefort, 14 luglio 1656Milano, 26 dicembre 1718), fu un militare austriaco ed il primo principe di Löwenstein-Wertheim-Rochefort, nonché governatore di Milano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Massimiliano Carlo Alberto era il quartogenito e primo figlio maschio di Ferdinando Carlo, Conte di Löwenstein-Wertheim-Rochefort (1616 - 1672) e di sua moglie la Contessa Anna Maria di Fürstenberg (1634 - 1705); dopo di lui nacquero ai suoi genitori altri dieci figli.

Massimiliano Carlo, entrò al servizio dell'imperatore in giovane età, fu un consigliere imperiale attivo dal 1684 ed fu nominato consigliere dell'impero nel 1699. Dopo che il principe elettore Massimiliano Emanuele di Baviera fu obbligato all'esilio nel 1704, Massimiliano Carlo diventò amministratore imperiale della Baviera e, nel suo nuovo rango di principe, assunse la posizione d'onore di commissario principale, il rappresentante permanente del imperatore nella dieta imperiale del 1712 in poi.

Il 3 aprile 1711 fu elevato al rango di principe dall'Imperatore Giuseppe I. il fratello e successore di Giuseppe I, l'Imperatore Carlo VI, l'8 gennaio 1712 estese il titolo a tutti i suoi discendenti legittimi.

Il suo ultimo incarico al servizio imperiale, che egli tenne dal 1717 fino alla sua morte fu il governatorato del Ducato di Milano, che Eugenio di Savoia aveva conquistato per gli Asburgo.[1]

Massimiliano Carlo morì e fu sepolto a Milano; il suo cuore fu trasferito e sepolto nella cripta della collegiata della chiesa di Wertheim.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 agosto 1678, Massimiliano Carlo Alberto sposò a Innsbruck, la contessa tirolese Maria Polyxena Khuen von Lichtenberg und Belasi. Dal matrimonio nacquero dieci figli:[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Martina Heine: Löwensteiner im Reichsfürstenstand. In: Wertheimer Zeitung vom 5. Januar 2012
  2. ^ (DE) Karl-Heinz Zuber, Löwenstein-Wertheim-Rochefort, Maximilian Karl Fürst zu, in Neue Deutsche Biographie, vol. 15, Berlino, Duncker & Humblot, 1987, ISBN 3-428-00196-6, p. 98 f.. (On line).

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte di Löwenstein-Wertheim-Rochefort Successore
Ferdinando Carlo 1672-1711 Titolo elevato a principato
Predecessore Principe di Löwenstein-Wertheim-Rochefort Successore
Elevato da contea 1711-1718 Domenico Marquardo di Löwenstein-Wertheim-Rochefort
Predecessore Governatore del Ducato di Milano Successore
Eugenio di Savoia 1717-1718 Girolamo Colloredo-Waldsee
Controllo di autorità VIAF: (EN50059416 · GND: (DE120532611 · CERL: cnp00417211
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie