Maschera funeraria di Psusennes I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Psusennes I.

Maschera funeraria di Psusennes I
Golden Mask of Psusennes I.jpg
Autoresconosciuto
Dataseconda metà dell'XI secolo a.C.
Materialeoro, lapislazzuli, pasta vitrea
Dimensioni48×38 cm
UbicazioneMuseo egizio del Cairo

La maschera funeraria di Psusennes I è la maschera funeraria in oro dell'antico faraone egizio Psusennes I (10471001 a.C.) della XXI dinastia egizia. Fu scoperta dall'egittologo francese Pierre Montet nel febbraio/marzo 1940 nella necropoli di Tanis[1][2] e si trova al Museo egizio del Cairo[3].

Scoperta e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nella sepolture reali di Tanis furono complessivamente rinvenute quattro maschere funerarie, tutte in oro, appartenute ai faraoni Psusennes I (ellenizzazione dell'originale Pasebakenniut[4]), Amenemope (1001–992 a.C.), Sheshonq II (887885 a.C.) e al generale Uendjebauendjed (contemporaneo di Psusenne I)[1]. Pierre Montet si imbatté nella camera sepolcrale di Psusennes I il 15 febbraio 1940 e vi penetrò il 21 febbraio successivo alla presenza di re Fārūq I d'Egitto; fu necessario rimuovere un enorme blocco di granito prima di raggiungere il sarcofago del re[2]. Una volta dischiuso il grande sarcofago in granito rosa (sottratto alla tomba di Merenptah, successore di Ramses II) circondato da statuette ushabti e un secondo sarcofago in granito nero, gli archeologi si trovarono di fronte al maestoso feretro del re in argento massiccio[5], parzialmente danneggiato dall'umidità di Tanis[2]. La salma del faraone indossava, oltre alla maschera, vari gioielli (30 anelli, 22 bracciali), ditali, talismani, sandali e un manto: tutto in oro[2].

La maschera, rinvenuta sulla mummia, ormai ridotta a scheletro[6][7], di Psusennes I, è la più ricca ed elaborata fra quelle del sito — seconda solo, fra le maschere funerarie egizie a noi giunte, a quella celeberrima di Tutankhamon[8], risalente a oltre trecento anni prima e con la quale ha una certa somiglianza[3]. Mentre la maschera di Tutankhamon reca iscrizioni, quella di Psusennes I non ne ha alcuna; inoltre, gli inserti in pasta vitrea e lapislazzuli riguardano solamente gli occhi e le sopracciglia, senza sottolineare le strisce del copricapo nemes, né gli intrecci della barba posticcia o i dettagli del grande ureo che sormonta la fronte del sovrano[8].

La maschera fu realizzata in una lamina d'oro di spessore inferiore al millimetro (0,6 mm) e la decorazione svolta quasi solamente mediante incisione; l'ureo e la barba posticcia furono preparati separatamente e applicati in un secondo momento[3]. L'artista conferì al viso del sovrano una avvenenza giovanile, verosimilmente diversa dal reale aspetto di Psusennes I, ricostruito basandosi sul teschio[3][6].

L'egittologo ceco Jaromír Málek ha così espresso il suo parere sulla maschera funeraria di Psusennes I[8]:

« Si tratta di una splendida opera d'arte, intensa e controllata, la cui purezza e semplicità le fa quasi superare la maschera di Tutankhamon. »

(J. Málek)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Schulz, Seidel 2004, pp. 280–2.
  2. ^ a b c d Sterlin 1997, pp. 14–5, 142–4.
  3. ^ a b c d Málek 2003, pp. 274–5.
  4. ^ king Psusennes, su www.ucl.ac.uk. URL consultato il 25 giugno 2017.
  5. ^ Málek 2003, pp. 272–3.
  6. ^ a b (EN) The Silver Pharaoh Psusennes I Facing the Afterlife in Style, in The Culture Concept Circle. URL consultato il 25 giugno 2017.
  7. ^ Psusenes, su www.akhet.co.uk. URL consultato il 25 giugno 2017.
  8. ^ a b c Schulz, Seidel 2004, p. 280.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]