Mark Linkous

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mark Linkous
Linkousin1992.jpg
Linkous in concerto a Richmond, Virginia nell'Aprile 1992
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Indie rock
Dream pop
Lo-fi
Periodo di attività 1980-2010
Strumento Voce
Chitarra
Gruppi Sparklehorse
Album pubblicati 5
Studio 5
Sito web

Mark Linkous, vero nome Frederick Mark Linkous (Contea di Arlington, 9 settembre 1962Knoxville, 6 marzo 2010), è stato un polistrumentista, cantante e autore statunitense, leader e fondatore degli Sparklehorse.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto ad Arlington, in Virginia, poco dopo il diploma, nei primi anni ottanta, Linkous si trasferisce a New York, dove la sua carriera musicale inizia come membro dei Dancing Hoods, band indie rock formata dallo stesso Linkous alla chitarra e alla voce, Bob Bortnick alla chitarra, Don Short alla batteria, ed Eric Williams al basso.[1]

Nel 1984 il gruppo pubblica il suo primo EP omonimo seguito, ad un anno di distanza, dal loro album di debutto, intitolato 12 Jealous Rose, su Relativity Records, disco che riceve diverse recensioni positive.[1]

Nel 1988, i Dancing Hoods, pubblicano il loro secondo album, dal titolo Hallelujah Anyway', per la Combat Records. Il singolo Baby's Got Rockets, estratto dall'album, riceve un discreto successo radiofonico nel circuito delle college radio, ed il suo videoclip è stato trasmesso nel programma 120 Minutes di MTV. Nello stesso anno, il gruppo, che nel frattempo da New York si è trasferito a Los Angeles, in cerca di un contratto con una etichetta major, nella speranza di raggiungere il successo mainstream, decide di sciogliersi di comune accordo.[2]

Deluso dal mondo della musica, dopo la separazione della sua band, Linkous fa ritorno in Virginia dove continua comunque a scrivere canzoni. Nel 1995, dà vita al progetto Sparklehorse, del quale lui rimane l'unico membro permanente. Con questo progetto crea quattro album osannati dalla critica: Vivadixiesubmarinetransmissionplot, Good Morning Spider, It's a Wonderful Life, Dreamt for Light Years in the Belly of a Mountain. Nel 2010 esce postumo Dark Night of the Soul album realizzato con il produttore Danger Mouse, registrato nel 2007 non viene subito pubblicato per controversie legali, l'album è il frutto di diverse collaborazioni con altri artisti, fra cui David Lynch.

Noto anche per le sue collaborazioni con Tom Waits, PJ Harvey, Daniel Johnston, Radiohead, Black Francis, Julian Casablancas, Nina Persson, David Lynch, Danger Mouse e Sage Francis.

Linkous passa gli ultimi anni della sua vita in Hayesville, Carolina del Nord, dove è situato lo suo studio di registrazione da lui creato, lo Static King Studio.

Il 6 marzo 2010 Linkous muore suicida a Knoxville.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dancing Hoods | Biography & History | AllMusic, su AllMusic. URL consultato l'08 gennaio 2017.
  2. ^ Ben Sisario, The Singer-Songwriter Known as Sparklehorse Is Dead at 47, in ArtsBeat. URL consultato l'08 gennaio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN79952029
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie