Mario Specchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mario Specchio (Siena, 2 novembre 1946Montepulciano, 17 settembre 2012) è stato uno scrittore, poeta, traduttore, germanista, saggista e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Siena, ha frequentato il Liceo classico "E.S. Piccolomini" e, successivamente, si è laureato in Lettere presso l'Università di Firenze con una tesi di letteratura tedesca. Le sue amicizie con Romano Bilenchi, Mario Luzi[1] e Antonio Tabucchi[2] hanno contribuito alla sua formazione[3].

Di Luzi ha anche curato una biografia intitolata Colloquio;[2] germanista, studiò in special modo Goethe, Rilke, Hesse e Paul Celan.[2].

Nel 1974 esordì come autore di poesia con la raccolta A piene mani.[1] Iniziò poi l'attività di traduttore letterario; fu incluso nella lista dei candidati per la vittoria del Premio Monselice per la sua traduzione di L'ultima estate di Klingsor di Hesse.[4]

Nel 1999 divenne professore dell'Università degli Studi di Siena, insegnando Lingua e letteratura tedesca e Traduzione letteraria,[1][2] incarico che già aveva ricoperto come ricercatore all'Università di Urbino.[5]

Ha vinto il Premio Il Fiore per la poesia nel 2008.

È deceduto nel 2012 all'età di 66 anni a seguito di un'emorragia cerebrale che lo ha colto mentre era alla guida della sua autovettura.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Non si menzionano i numerosi articoli e saggi critici - su Celan, Büchner, Goethe ecc - pubblicati in riviste letterarie, volumi collettanei e atti convegno.

Monografie[modifica | modifica wikitesto]

  • Paul Celan: l'incantesimo dell'assurdo, Siena, Edizioni di Barbablù, 1986.
  • Paesaggio senza figure. Quattro saggi rilkiani, Roma, Artemide, 2010.
  • con Mario Luzi, Colloquio: un dialogo con Mario Specchio, Milano, Garzanti, 1999

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Memoria di amici, Siena, Edizioni di Barbablù, 1987 (con Francesco Cocola e Ferruccio Masini)
  • Morte di un medico, Palermo, Sellerio, 2004

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • A piene mani, Firenze, Vallecchi, 1974
  • Nostalgia di Ulisse, Firenze, Passigli, 1999
  • Da un mondo all'altro, Bagno a Ripoli, Passigli, 2007
  • Passione di Maria, con le illustrazioni di Ernesto Piccolo, Ed. Feeria, Panzano del Chianti, Siena, 2013

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Wolfgang von Goethe, Urfaust, s.e.
  • Johann Wolfgang von Goethe, Poesie diverse, in Tutte le poesie, vol. I, tomo 1, Milano, Mondadori, 1989, pp. 587–671
  • Johann Wolgang von Goethe, Loggia, in Id, Tutte le poesie, vol. I, tomo 2, Milano, Mondadori, 1989, pp. 976–989
  • Johann Wolfgang von Goethe, Dio e Mondo, in Id., Tutte le poesie, vol. I, tomo 2, Milano, Mondadori, 1989, pp. 991–1041
  • Hermann Hesse, L'ultima estate di Klingsor, Milano, Guanda, 1977
  • Hermann Hesse, Poesie, Milano, Guanda, 1978
  • Hermann Hesse, Knulp: tre storia dalla vita di Knulp, Venezia, Marsilio, 1989
  • Hermann Hesse, Vagabondaggio, Roma, Newton, 1992
  • Hermann Hesse, Racconti brevi, Roma, Newton, 1995
  • Rainer Maria Rilke, Poesie alla notte, Firenze, Passigli, 1999
  • Rainer Maria Rilke, Lettere su Cézanne, Bagno a Ripoli, Passigli, 2001
  • Rainer Maria Rilke, Vita di Maria, Firenze, Passigli, 2007
  • Rainer Maria Rilke, Canto d'amore e morte dell'alfiere Christoph Rilke, Bagno a Ripoli, Passigli, 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Mario Specchio, premiodipoesiailfiore.it. URL consultato il 21 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2014).
  2. ^ a b c d e E' morto lo scrittore - poeta Mario Specchio, docente dell'Università di Siena, in La Nazione, 19 settembre 2012.
  3. ^ Michele Brancale, Il segno di croce sulle poesie intime di Specchio, Avvenire, 19 aprile 2016
  4. ^ Premio Città di Monselice per una traduzione letteraria, Monselice, Comune di Monselice, 1980, p. XI.
  5. ^ Nostaglia di Ulisse, Passigli Editori. URL consultato il 21 settembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN262000628 · ISNI (EN0000 0000 5196 3465 · SBN IT\ICCU\CFIV\030629 · LCCN (ENnr94033965 · GND (DE172771161 · BNF (FRcb123943954 (data) · BAV (EN495/284874 · WorldCat Identities (ENlccn-nr94033965