Mario Malausa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario Malausa
27 gennaio 1938 – 30 giugno 1963
Nato aTripoli
Morto aCiaculli
Cause della morteEsplosione di ordigno
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataEsercito Italiano (all'epoca)
ArmaArma dei Carabinieri
CorpoLegione Carabinieri di Palermo
UnitàGruppo Carabinieri di Palermo
GradoTenente
voci di militari presenti su Wikipedia

Mario Malausa (Tripoli, 27 gennaio 1938Ciaculli, 30 giugno 1963) è stato un carabiniere italiano, vittima di Cosa Nostra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Tripoli nel 1938 da una famiglia originaria di Revello,[1] il tenente Mario Malausa venne assegnato alla compagnia dei carabinieri di Roccella.[2] Ricoprendo questo incarico, il tenente Malausa era riuscito a creare ben più di un problema alla mafia locale,[2] stilando anche una serie di rapporti che sottolineavano le relazioni tra mafiosi e potere politico.[2] In virtù del suo incarico, il 30 giugno 1963 Malausa fu tra i primi ad intervenire quando una chiamata anonima giunta alla questura di Palermo informò le forze dell'ordine della presenza di una Giulietta sospetta a Ciaculli, una borgata di Palermo.[3] In quei mesi era in corso la prima guerra di mafia, quindi le forze dell'ordine pensarono subito che quella fosse un'autobomba destinata a qualche boss mafioso e quindi chiamarono subito gli artificieri.[3] Questi riuscirono a disinnescare la bomba presente in auto dopo un'ora di lavoro, ritenendo dunque il pericolo cessato.[4] A quel punto però, il tenente Malausa decise di aprire il bagagliaio dell'auto per verificarne il contenuto.[3] Questo causò l'esplosione immediata della vettura, a causa della probabile presenza di una seconda bomba nascosta,[5] esplosione che investì in pieno, uccidendoli, il tenente Malausa, il maresciallo di P.S. Silvio Corrao, il maresciallo dei CC Calogero Vaccaro, gli appuntati Eugenio Altomare e Marino Fardelli, il maresciallo dell'esercito Pasquale Nuccio e il soldato Giorgio Ciacci.[4] Questa strage, passata alla storia come strage di Ciaculli, fu l'evento più sanguinoso della prima guerra di mafia.[6] Nonostante le molte indagini, i responsabili diretti della strage non furono mai identificati. Nel 1984 il pentito Tommaso Buscetta, uno degli accusati della strage, dichiarò che questa era da addebbitare al solo Michele Cavataio.[7] Mentre altre indagini arrivarono ad ipotizzare che l'autobomba fosse stata preparata proprio per colpire il tenente Malausa, visto dalla mafia come un pericolo a causa delle sue indagini.[4]

Pochi mesi dopo la strage, il padre di Malausa morì per il dolore.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Al tenente Malausa sono state dedicate una via ad Envie, città di residenza della sua famiglia, ed un'altra a Revello, mentre a Saluzzo gli è stata dedicata la sezione dei carabinieri in congedo.[8]

Onorificenze[9][modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al merito civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito civile
«Con eccezionale coraggio ed esemplare iniziativa, nonostante il clima di forte tensione per il rischio di possibili attentati mafiosi, non esitava unitamente ad altri colleghi a ispezionare un'autovettura abbandonata al cui interno un ordigno era stato disinnescato dai militari artificieri, venendo mortalmente investito dalla violenta deflagrazione di un ulteriore ordigno proditoriamente occultato nel vano portabagagli. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere, spinti fino all'estremo sacrificio". 30 giugno 1963 - Località Ciaculli - Palermo»
— 27 ottobre 2011.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ a b c d Malausa Mario tenente, su ancispettoratosicilia.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  3. ^ a b c A CIACULLI, TRA GLI ARANCETI, su instoria.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  4. ^ a b c Ciaculli, una strage dimenticata, su mazaracult.blogspot.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  5. ^ Corrao Silvestro Silvio, su cadutipolizia.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  6. ^ Una ferita lunga 53 anni, ricordata la "Strage di Ciaculli", su palermotoday.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  7. ^ Strage di Ciaculli, 30 giugno 1963, su ultimavoce.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  8. ^ Mario Malausa, su unaacies.eu. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  9. ^ Villafalletto: si commemora il tenente Malausa, medaglia d'Oro al valore civile, su targatocn.it. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  10. ^ Dettaglio decorato Malausa Mario sul sito della Presidenza della Repubblica Italiana, su quirinale.it. URL consultato il 16 aprile 2018.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie