Mario Lucini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Lucini
Mario Lucini.JPG

Sindaco di Como
Durata mandato 21 maggio 2012 –
26 giugno 2017
Predecessore Stefano Bruni
Successore Mario Landriscina

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio laurea
Professione geologo

Mario Lucini (Como, 18 settembre 1958) è un politico italiano, ex sindaco di Como.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di professione geologo, è sposato dal 1984 con Lorella Ostinelli, da cui ha avuto tre figli.[1]

Nel 2002 viene eletto al consiglio comunale di Como per La Margherita, di cui diviene capogruppo; confermato in consiglio nel 2007, eletto nella lista dell'Ulivo, nel 2010 diventa capogruppo del Partito Democratico.[1]

Nel 2011 si presenta alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco e, vincendole il 27 novembre con il 49,4% delle preferenze, ottiene la candidatura.[2]

Si presenta quindi alle amministrative del 2012 come leader di una coalizione formata da Partito Democratico, Paco-Sel, Italia dei Valori, Como Civica e Amo la mia città, due liste civiche, concludendo in testa il primo turno del 6 e 7 maggio con il 35,5% dei voti.[3] Al ballottaggio di due settimane più tardi, contro la candidata del Popolo della Libertà Laura Bordoli, viene eletto sindaco con il 74,9% dei voti.[3][4]

La sua vittoria ha rappresentato la prima elezione di un rappresentante del centrosinistra a sindaco di Como da quando è in vigore l'elezione diretta del primo cittadino.[5]

Nell’indagine della Procura di Como su appalti pubblici e paratie sul lungolago è indagato per turbata libertà sulla scelta del contraente e per falso ideologico.[6]

Come già precedentemente dichiarato[7] ha rinunciato a ricandidarsi per un secondo mandato alle elezioni amministrative del 2017.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Chi è Mario Lucini, mariolucini.it. URL consultato il 22 maggio 2012.
  2. ^ Mario Lucini vince le Primarie Como 2011, primarie.como.it, 27 novembre 2011. URL consultato il 22 maggio 2012.
  3. ^ a b Comune di Como - Elezioni comunali 2012, interno.it. URL consultato il 22 maggio 2012.
  4. ^ Dario Campione, "La città ha creduto nel nostro progetto", in Corriere di Como, 22 maggio 2012, p. 3. URL consultato il 22 maggio 2012.
  5. ^ Svolta a Como: per la prima volta vince il centrosinistra, tg24.sky.it, 21 maggio 2012. URL consultato il 22 maggio 2012.
  6. ^ Paratie, Lucini indagato anche per falso ideologico. “Non ho mai ingannato nessuno” – Espansione TV. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  7. ^ Arriva la conferma di Lucini: “Non mi ricandido a sindaco”, in QuiComo. URL consultato il 16 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Como Successore Como-Stemma.png
Stefano Bruni 21 maggio 2012 - 26 giugno 2017 Mario Landriscina