Mario Cerutti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mario Cerutti (Siena, 6 settembre 1907Siena, 22 giugno 2002) è stato un prefetto italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 luglio del 1930 si laureò in Giurisprudenza presso l'Università di Siena.

Il 10 ottobre 1932 entrò in carriera, prestando servizio nelle sedi di Pisa e Roma[1]. Dal 1936 al 1943 prestò servizio presso il Gabinetto del Ministero dell'Interno.

Il 25 ottobre 1954 fu nominato Prefetto, promosso alla prima classe il 16 marzo 1963 e confermato capo del servizio elettorale del Ministero con funzioni di ispettore generale.

Successivamente Cerutti fu Prefetto di Modena, Verona e dal giugno 1969 di Bologna con l'incarico anche di commissario del Governo nella Regione Emilia-Romagna. Il 1º ottobre 1972 fu collocato a riposo per raggiunti limiti di età, conservando comunque l'incarico di Commissario del Governo nella Regione Emilia Romagna.

Il 12 dicembre 1973 è stato nominato Consigliere di Stato, con effetti retrodatati a decorrere dal 22 dicembre 1972. Morì il 22 giugno 2002 a Siena.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Cerutti, La presentazione delle candidature per le elezioni comunali, in “Nuova Rassegna”, monografia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale all’ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale all’ordine della Corona d'Italia
Cavaliere all’ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere all’ordine della Corona d'Italia
Commendatore all’Ordine del merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore all’Ordine del merito della Repubblica Italiana
Grande ufficiale all’ordine del merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale all’ordine del merito della Repubblica Italiana
Medaglia d’oro al merito della Croce Rossa Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d’oro al merito della Croce Rossa Italiana
  • Nettuno d'oro per avere onorato con la propria attività professionale e pubblica la città di Bologna

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel Gabinetto del Ministro, nella direzione direzione generale della sanità e nella Direzione generale dell'amministrazione civile come dirigente del servizio elettorale

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]