Maria di Scozia (1082-1116)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Maria di Scozia (1082–1116))
Jump to navigation Jump to search

Maria di Scozia (10821116) discendente dal Casato dei Dunkeld fu contessa consorte di Boulogne.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Maria, il Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, era la figlia ultimogenita del re di Scozia, Malcolm III e della sua seconda moglie, Margherita del Wessex[1] (Ungheria, 1045 – 16 novembre 1093), che secondo il The Chronicles of Florence of Worcester with two continuations era figlia del principe Edoardo (figlio del re d'Inghilterra, Edmondo II[2], che secondo il monaco e cronista inglese, Orderico Vitale, discendeva da Alfredo il Grande e quindi dal primo re d'Inghilterra, Egberto del Wessex[3]) e di Agata[2], che, sempre secondo il The Chronicles of Florence of Worcester with two continuations era nipote dell'imperatore del Sacro Romano Impero, Enrico II (daughter of the brother of Emperor Henry)[2], mentre secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium era la sorella della regina d'Ungheria (Agatham regine Hunorem sororem)[4], mentre per Orderico Vitale era figlia del re d'Ungheria[5]; Margherita era la sorella di Edgardo Atheling[2], ultimo discendente del Casato dei Wessex[6] e pretendente alla corona d'Inghilterra.
Malcolm III di Scozia, secondo il Mariani Scotti Chronicon, era figlio del re di Scozia, Duncan I[7] e della moglie, Suthen o Sibilla di Nortumbria, che secondo lo storico e presbitero scozzese, Giovanni di Fordun, nel suo John of Fordun's Chronicle of the Scottish nation, era la cugina del Conte di Northumbria, Siward[8].
Maria era sorella dei re di Scozia, Edgar, re di Scozia dal 1097 al 1107, Alessandro, detto il feroce, dal 1107 al 1124 e Davide re di Scozia dal 1124 al 1153ed inoltre era sorella di Matilde (o Edith), moglie di Enrico I d'Inghilterra. Questo rendeva Maria zia dell'Imperatrice Matilde che si batté aspramente contro il cugino Stefano di Blois che di Maria era genero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attorno al 1086 Maria e la sorella, allora ancora di nome Edith, ancora secondo Orderico Vitale, dai genitori furono inviate presso l'abbazia di Romsey (en:Romsey Abbey) perché vivessero con la zia Cristina che era badessa colà[9]. Le ragazze trascorsero lì parte della loro infanzia dove venne data loro anche una prima educazione ed una certa istruzione[9], poi, qualche tempo prima del 1093 vennero mandate presso l'abbazia di Wilton noto centro educativo. Fra coloro che vivevano là vi era una donna, poetessa, chiamata Muriel che attraeva l'attenzione di molti studiosi europei[10]. In quel periodo Edith ricevette diverse proposte di matrimonio, tutte rifiutate, fino a che nel 1100 s'acconsentì a che sposasse il re d'Inghilterra Enrico Beauclerc e dopo il matrimonio mutò nome in Matilde[11]. All'inizio per altro il matrimonio, per le due giovani, non era stato considerato giacché essendo cresciute in convento parevano destinate a divenire suore. Maria era invece partita qualche anno prima, nel 1096, ed era ancora nubile e poiché la sorella voleva che anche lei potesse sposarsi vennero organizzate le nozze col conte di Boulogne, Eustachio III; secondo il Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Tome II, nel 1102, Maria, per l'interessamento del cognato, il re d'Inghilterra, Enrico Beauclerc, sposò Eustachio III, che, secondo il documento n° XVII del Cartulaire de l'abbaye de Saint-Bertin, Eustachio era figlio primogenito del conte di Boulogne, Eustachio II, e della sua seconda moglie, Ida di Verdun o di Lorena[12], che, secondo la Ex Vita B. Idæ Boloniensis Comitissæ, era la figlia femmina primogenita del Duca dell'Alta Lorena (Lotaringia), Conte di Verdun, Margravio reggente di Toscana (assieme alla seconda moglie, Beatrice di Bar, dal 1054), Duca della Bassa Lorena (Lotaringia) e margravio di Anversa, Goffredo III il Barbuto e della prima moglie, Doda (pater…Godefridus, mater vero ejus non minus egregia, Doda)[13], che, secondo lo storico medievalista, Alan V. Murray, nel suo The crusader Kingdom of Jérusalem, A Dynastic History 1099-1125 (non consultato), era la figlia del Conte di Rethel, Manasse II[14].. Il matrimonio viene ricordato anche dalla Genealogica comitum Buloniensium[15].

Maria morì nel 1116; secondo Giovanni di Fordun, morì tre anni prima della sorella, Matilde o Edith[16].

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Maria ad Eustachio diede solo una figlia[17][18]::

  • Matilde di Boulogne (circa 1103 - 1152), contessa di Boulogne, sposò Stefano di Blois (circa 1096-1154), futuro re d'Inghilterra[15].
    Quando quest'ultimo, quando Enrico I morì, senza lasciare eredi legittimi maschi, contese la corona alla cugina, l'Imperatrice Matilde (unica figlia legittima vivente di Enrico) e divenne Stefano d'Inghilterra e Matilde di Boulogne ne divenne la regina; per cui, le figlie di Maria e della sorella,Matilde o Edith, entrambe di nome Matilde, combatterono aspramente per la corona d'Inghilterra. Quando Stefano venne catturato Matilde di Boulogne mise insieme un esercito che liberò il marito, Stefano divenne quindi re d'Inghilterra, ma con l'accordo che alla sua morte gli sarebbe succeduto il figlio maggiore dell'Imperatrice, Enrico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (LA) Florentii Wigornensis Monachi Chronicon, Continuatio, pagina 47
  2. ^ a b c d (EN) The Chronicles of Florence of Worcester with two continuations, anno 1017, pag 133
  3. ^ (LA) Historia Ecclesiastica, vol.unicum, pars III, liber X, colonna 754
  4. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1100, pagina 814
  5. ^ (LA) Historia Ecclesiastica, vol. III, liber VIII, pagina 398
  6. ^ William John Corbett, "Inghilterra, 1087-1154", cap. II, vol. VI, pag. 66
  7. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus V, anno 1157, pagina 558
  8. ^ (EN) John of Fordun's Chronicle of the Scottish nation, book IV, chapter XLIV, pagina 179
  9. ^ a b (LA) Ordericus Vitalis, Historia Ecclesiastica, vol.III, liber VIII, pag. 399
  10. ^ Honeycutt, Lois (2003). Matilda of Scotland: a Study in Medieval Queenship. Woodbridge: The Boydell Press
  11. ^ (LA) Ordericus Vitalis, Historia Ecclesiastica, vol.III, liber VIII, pag. 400
  12. ^ (LA) Cartulaire de l'abbaye de Saint-Bertin. doc. XVII, pag. 229
  13. ^ (LA) Recueil des historiens des Gaules et de la France. Tome 14: Ex Vita B. Idæ Boloniensis Comitissæ, pag. 113
  14. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Nobiltà della Sassonia-GODEFROI
  15. ^ a b (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus IX: Genealogica comitum Buloniensium, par. 1, pag. 301
  16. ^ (EN) Johannis de Fordun Chronica gentis Scotorum, book V, chapter XXIX, pagina 219
  17. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : COMTES de BOULOGNE (FLANDERS) - MARY of Scotland (EUSTACHE III de Boulogne)
  18. ^ (EN) #ES Genealogy : Counts of Boulogne sur Mer - Marie of Scotland (Eustache III)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • William John Corbett, "Inghilterra, 1087-1154", cap. II, vol. VI (Declino dell'impero e del papato e sviluppo degli stati nazionali) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 56–98.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]