Marco Albino Ferrari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marco Albino Ferrari (Milano, 1965) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giornalista professionista, scrittore, sceneggiatore. Inizia a collaborare con riviste specializzate nel settore della montagna dai primi anni Novanta, dopo aver praticato alpinismo (soprattutto sul Monte Bianco: Pilone Centrale del Frêney, Grandes Jorasses, Drus, Grandes Capucin…). Nel 1992 è assunto dalla rivista Alp come redattore, e nel 1998 diventa direttore responsabile della testata. Abbandonato l'alpinismo, si dedica a viaggi in luoghi esotici per realizzare reportage che sono pubblicati su settimanali: Il Venerdì, Panorama, Diario della Settimana.

Negli anni Novanta scrive sceneggiature e testi per la Radio Svizzera e cura la collana "I Licheni" per Vivalda Editori. E dalla fine degli anni Novanta inizia a collaborare con la casa editrice Einaudi, dove vara il progetto della rivista Cfr:.

Nel 2002 fonda, con l'Editoriale Domus, la rivista Meridiani Montagne[1], destinata ad avere grande diffusione. Da metà degli anni Duemila inizia a scrivere per La Stampa opinioni, storie e racconti di viaggio a puntate che escono durante l'arco del mese di agosto: tra questi Le Alpi in bicicletta nel 2006, Incontri sul fiume Po nel 2010, sulle tracce di Fausto Coppi da Caserta a Castellania nel 2011, la Via del lupo nel 2012, i Luoghi del silenzio nel 2013, Italia selvaggia nel 2014, La storia di Bill Tilman nel 2015.

Gira l'Italia portando in scena monologhi teatrali[2]. Collabora con festival di cinema e letteratura in qualità di consulente o giurato: Film Festival di Trento, Film Festival della Lessinia, LetterAltura, Stambecco d'Oro di Cogne.

Ha vinto i premi Gambrinus, Premio Cortina, Premio Majella, Giornalista dell'anno ANA e Pelmo d'Oro[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sentieri e pensicieri: Marco Albino Ferrari, in Piemonte Parchi. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  2. ^ Marco Albino Ferrari, Milano Montagna. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  3. ^ In libreria "Frêney 1961. La tempesta sul Monte Bianco" di Marco Albino Ferrari con CAI e Ponte alle Grazie, Club Alpino Italiano - sez. di Torino. URL consultato l'11 dicembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42075492 · ISNI (EN0000 0001 1760 0430 · SBN IT\ICCU\LO1V\187543 · LCCN (ENn2001110404 · GND (DE136849997 · BNF (FRcb14523528g (data) · BNE (ESXX942708 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2001110404
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie