Marcello Craveri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marcello Craveri (Torino, 23 marzo 1914Torino, 18 febbraio 2002) è stato uno storico delle religioni e biblista italiano.

Allievo di Ambrogio Donini, divenne noto per la sua trattazione dei temi e delle tradizioni religiose attraverso un'ottica antropologico-sociale marxista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua opera più nota è probabilmente La vita di Gesù, pubblicato nel 1966 e ristampato diverse volte. In base a quanto dedotto dai testi biblici e dai, poi disponibili, rotoli del Mar Morto, Craveri concluse che le rivendicazioni di divinità da parte del Gesù storico fossero strettamente limitate e non insolite per un giudeo della sua epoca. Gran parte delle rivendicazioni più forti, e l'enfasi riguardo al potere salvifico della morte di Cristo sulla croce, potrebbero essere riconsiderate come una rielaborazione di Paolo di Tarso, il quale, secondo l'autore, sarebbe stato fortemente influenzato dalle tradizioni greco-romane.

Craveri è deceduto il 18 febbraio 2002 ed è sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Guerre persiane, vandaliche, gotiche di Procopio di Cesarea. Einaudi (1977) traduzione e note a cura di M. Craveri.
  • La vita di Gesù. Feltrinelli (1979).
  • Sante e Streghe. Feltrinelli (1980).
  • La Divina Commedia. 3 Voll. Editrice Il Girasole (1989) commento di M. Craveri.
  • L'eresia. Mondadori, (1995).
  • Un uomo chiamato Gesù. Un uomo, un rivoluzionario contro tutte le ingiustizie. Giunti Demetra (1996).
  • I vangeli apocrifi. Einaudi (1969/2005) a cura di M. Craveri.
  • Un uomo chiamato Gesù. Teti (1993).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN79078569 · ISNI: (EN0000 0000 8158 8459 · BNF: (FRcb12211028m (data)