Marcella Biondi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marcella Biondi
Nazionalità Italia Italia
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Slalom gigante, combinata
Termine carriera 1998
 

Marcella Biondi (Courmayeur, 3 giugno 1970) è un'ex sciatrice alpina italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Valdostana cresciuta nello Sci Club Courmayeur, specialista delle gare tecniche[senza fonte], fece parte dal 1988 al 1996[senza fonte] della nazionale femminile di sci alpino, disputando anche i Mondiali di Saalbach-Hinterglemm, in Austria, del febbraio 1991, dove si classificò 21ª nella gara di slalom gigante[senza fonte]. Ottenne il suo primo risultato di rilievo in Coppa del Mondo il 21 marzo 1992 a Crans-Montana, in Svizzera, con un 26º posto in slalom gigante; la sua miglior prestazione nella competizione fu il 24º posto nel gigante di Hafjell, in Norvegia, del 15 marzo 1993.

Migliori risultati ottenne in Coppa Europa, fin dal 15 dicembre 1994 quando, a Gressoney-La-Trinité in Italia, chiuse 4ª la prova di gigante. Nel circuito continentale in carriera ottenne un podio (terza a Vysoké Tatry (Slovacchia) in gigante il 16 febbraio 1995, dietro a Ingeborg Helen Marken e Karin Köllerer) e vinse la classifica di gigante nel 1992.

Terminò l'attività agonistica nel 1998 ai Campionati statunitensi di Jackson Hole.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 107ª nel 1993

Coppa Europa[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 4ª nel 1992
  • Vincitrice della classifica di slalom gigante nel 1992
  • 1 podio (in slalom gigante):
    • 1 terzo posto

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albo d'oro Gigante femminile Campionati Italiani Assoluti, in fisi.org, 30 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
    Campionati Italiani di sci alpino, l'albo d'oro della combinata femminile, in fisi.org, 24 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]